Attualità

Vaccini Covid, Boccia: “No a liste occasionali e privilegiate, ognuno aspetti il suo turno”

In Puglia è stata consegnata la terza tranche dei vaccini Covid, parliamo di circa 29mila dosi della Pfizer. L’Italia, al momento, è il primo Paese in Europa per la somministrazione dei vaccini. Tuttavia, in questi giorni non sono mancate le polemiche.

Dopo i recenti fatti di cronaca che si sono verificati in alcuni territori vorrei ricordare che lo Stato ha stabilito un ordine di priorità per le vaccinazioni e questo ordine va rispettato – lo riferisce Francesco Boccia ministro per gli Affari regionali -.

Nei casi in cui le dosi trasferite alle Regioni dovessero avanzare, anche a causa della mancata presentazione di qualcuno, queste dosi non vanno distribuite sulla base di criteri opinabili ma secondo la massima trasparenza, creando una lista di persone pronte ad essere vaccinate. Persone però che rientrino nelle categorie interessate in questa primissima fase (personale sanitario e residenze per anziani) e non ascrivibili ad amici, parenti o conoscenti.

Per fare ciò non è necessaria una circolare esplicativa ma solo il buon senso e il rispetto degli italiani che aspettano il loro turno. In ogni caso, gli italiani con più di 80 anni, sono oltre 4 milioni e 400 mila e subito dopo gli operatori sanitari e i residenti nelle Rsa, tocca a loro.

Sarebbe il caso, quando c’è un’emergenza per la mancata presentazione di una persona, rispettare il buon senso e vaccinare chi ha diritto ad essere vaccinato prima, seguendo i piani che le Regioni stesse hanno predisposto“.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock