Eventi

Unifg: Notte Europea dei Ricercatori, venerdì l’appuntamento tra scienza e divulgazione

Foggia – Nel solco del delicato tema La ricerca tra sana alimentazione, prevenzione e sviluppo sostenibile, anche l’Università di Foggia prenderà parte alla Notte Europea dei Ricercatori in programma in tutta Europa venerdì prossimo (27 settembre).

«Un’occasione unica – sostiene il prof. Giovanni Messina, delegato del Rettore alla Ricerca scientifica e tecnologica, Terza missione – per rilanciare il nostro messaggio con chiarezza e forza. L’Università di Foggia tiene a ridurre la distanza tra sviluppo tecnologico e corretti stili di vita, una distanza che può essere ridotta senza necessariamente dover rinunciare a qualcosa.

Durante gli appuntamenti di questa edizione della “Notte dei Ricercatori (ERN Apulia)”, cercheremo di ribadire questo messaggio e soprattutto di divulgarlo agli studenti sia universitari sia degli istituti superiori della città e del territorio». Attraverso un articolato programma – che si allega – l’Università di Foggia guiderà i partecipanti alla Notte Europea dei Ricercatori alla scoperta del sottile confine tra ricerca scientifica, prevenzione e sostenibilità ambientale, un dibattito scientifico che anima tutte le maggiori accademie internazionali e che UniFg ha già affrontato dedicandogli, tra le altre cose, l’intera terza edizione del Festival della Ricerca Scientifica e dell’Innovazione Tecnologica.

Prima di vivere il suo momento clou, il programma vivrà un prologo artistico molto atteso grazie alla proiezione del cortometraggio The Choice (La scelta) del regista napoletano Giuseppe Alessio Nuzzo: il racconto di una malattia, e della forza di reazione di chi la subisce, attraverso il volto dell’attrice Cristina Donadio (divenuta molto popolare in seguito alla fiction Gomorra, in cui recitava il ruolo di Scianel).

Il corto – in concorso all’ultimo Festival di arte cinematografica di Venezia nella sezione “I Love GAI – Giovani Autori Italiani” – verrà presentato mercoledì 25, alle ore 11,00, presso l’unità complessa di Terapia oncologica dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti di Foggia (via Napoli, palazzina adiacente al cd. Terzo lotto) diretta dal dott. Giuseppe Bove, alla presenza dell’intera governance dell’Università di Foggia e dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti di Foggia, quindi degli sponsor che hanno reso possibile la realizzazione del corto e di parte del suo cast.

Mentre, giovedì 26, alle ore 9,00, presso l’aula magna Valeria Spada del Dipartimento di Economia (via Caggese, 1) il film breve sarà presentato agli studenti delle scuole superiori della città e alla cittadinanza in genere. Venerdì 27 settembre, invece, la vera e propria Notte Europea dei Ricercatori, aprirà la Notte UniFg il Dipartimento di Giurisprudenza (Aula Magna – ore 10,00) con il convegno dal titolo “Nazioni Unite, diritti umani e principi educativi” a cura del Club per l’Unesco di Foggia, durante il quale interverranno il dott. Vikram Sura (United Nations Department of Public Information – New York) e l’arch. Teresa Gualtieri (presidente della Federazione Italiana Centri e Club per l’Unesco).

Alle 10,30, presso l’Aula Magna del Dipartimento di Studi Umanistici, Lettere, Beni Culturali, Scienze della Formazione (via Arpi, 176), la prof.ssa Rossella Palmieri , il maestro Luciano Fiore e la prof.ssa Francesca Scionti dialogheranno con il pubblico sull’importanza della musica nella vita e sulla terapia coreutica musicale.

Il Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell’Ambiente aprirà le sue porte dalle 17,00 con due eventi convegnistici: il primo nell’aula magna Gian Luca Montel dal titolo “Rapporti tra nutrizione, genetica e ambiente” durante il quale dialogheranno il prof. Giovanni Li Volti (Biochimico – Università di Catania), il prof. Raffaele Canonico (Responsabile Sanitario SSC Napoli), il dott. Gaetano Paoletti presenterà la condotta Slow Food “Terre della Daunia” e la prof.ssa Vittoria Pilone, delegata rettorale alla Sostenibilità Ambientale e Responsabilità Sociale, illustrerà le iniziative e le azioni in tema di sostenibilità messe in campo da UNIFG .

Il secondo convegno dal titolo “Sostenibilità ambientale e salute” si terrà nel giardino del Dipartimento stesso, alle ore 19,30, con interventi del S.T.V. Alessio Fiorentino della Capitaneria di Porto di Manfredonia sull'”Inquinamento marino da microplastiche”, il prof. Giovanni Messina, presenterà i primi risultati del progetto di ricerca UniFg “Vivere in un Mondo “Plastic Free” condotta sulla popolazione studentesca del Comune di Biccari, per chiudere, infine, con il tema “Ambiente, geni e cancro” con il prof. Antonio Giordano (direttore Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine – Temple University – Philadelphia, USA).

Tra i due momenti divulgativi saranno inoltre inaugurate le fontanelle ecologiche per la distribuzione dell’acqua a studenti, docenti e personale tecnico-amministrativo dell’Università di Foggia e consegnate agli studenti UniFg le borracce in alluminio, un ulteriore passo verso il completamento della campagna di sensibilizzazione plastic free che UniFg ha intrapreso ormai da tempo, risultando – per ammissione dello stesso Ministro per le Politiche Ambientali, On. Sergio Costa – il primo ateneo italiano a farlo.

«La Notte Europea dei Ricercatori – conclude il prof. Maurizio Ricci, Rettore dell’Università di Foggia – deve diventare un momento di sintesi per tutti gli scienziati impegnati nel miglioramento delle condizioni di vita sul nostro pianeta, quindi non può interessare la nostra università solo marginalmente o sporadicamente, ma deve invece rappresentare un momento di grande crescita cultura per tutti noi, soprattutto per le generazioni future che si accingono a raccogliere il nostro testimone.

Da qui il coinvolgimento delle scuole e di quelle coscienze, in corso di formazione, a cui la scienza futura affiderà, attraverso gli studi e le ricerche che si stanno compiendo, il compito di leggere per bene e per tempo il futuro che ci aspetta e quello che possiamo migliorare».

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock