Regione

Tutolo in tenda davanti alla Regione: restituire i fondi per la sanità alla Capitanata

“Finché non sarà più giusta la dotazione per la Capitanata resterò accampato davanti al palazzo del Consiglio”

“Da lunedì 12 febbraio mi piazzerò in una tenda davanti al palazzo del Consiglio regionale della Puglia e lì resterò finché i cittadini della provincia di Foggia non avranno le risposte che meritano a proposito della ripartizione del Fondo sanitario regionale”.

Lo annuncia il consigliere regionale Antonio Tutolo (Gruppo misto) che ha deciso di protestare ad oltranza contro l’attuale sistema di distribuzione del denaro pubblico tra le varie province pugliesi.

“In diverse sedute del Consiglio ho sollecitato una ripartizione equa, poiché i criteri attuali si basano su dati storici per nulla rispondenti alla realtà dei territori. La soluzione che ho prospettato è una riassegnazione in base al numero di abitanti, ma se ne possono trovare altre. Non è possibile che il singolo cittadino dell’area metropolitana di Bari abbia a disposizione per la diagnostica per immagini un budget di 9,9 euro, quello della provincia di Brindisi 6,6 euro; quello della BAT 5,2 euro; quello di Taranto, 8,1 euro; quello di Lecce 8,20 contro quello della Capitanata che ha solo 3,4 euro.

Queste differenze ingiuste tracciano una linea di demarcazione tra la vita e la morte delle persone, perché è con quelle risorse che si forniscono servizi sui territori.

Da sempre la provincia di Foggia viene massacrata con disparità ingiustificabili che la mortificano e la piazzano per forza di cose agli ultimi posti delle classifiche. Dunque, mi sono stancato di assistere inerme all’ennesimo maltrattamento della Capitanata e ho deciso di protestare ad oltranza.

Tutti in Regione sanno che è così da sempre ma nessuno ha mai mosso un dito. I cittadini della Capitanata sono trattati come carne da macello. La loro vita vale meno di quella degli altri. Le liste d’attesa della provincia di Foggia scontano i tempi più lunghi d’Italia, eppure a nessuno frega nulla.

Il 21 dicembre scorso, come un rito che si perpetua ogni anno da decenni, è stata firmata l’ennesima delibera, la 1924, che condanna a morte molti cittadini della Capitanata. Una delibera – conclude Tutolo – che è stata votata, come sempre, anche dagli assessori di Foggia presenti in giunta. Caro presidente Emiliano, caro assessore Palese, i cittadini della provincia di Foggia chiedono giustizia e voi avete il dovere di farla”. (Nella foto di repertorio una precedente protesta di Tutolo davanti la sede della Regione Puglia)

Vincenzo D'Errico

Giornalista professionista e scrittore, impegnato a lungo nell’emittenza locale, collaboratore del quotidiano L’Edicola del Sud, direttore della Rivista Filosofia dei Diritti Umani / Philosophy of Human Rights.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio