Le isole Tremiti

Trivellazioni: minaccia concreta anche per le Isole Tremiti

Il nuovo anno parte davvero male per le coste dell'adriatico, che si ...

Foggia Reporter

Il nuovo anno parte davvero male per le coste dell’adriatico, che si riconfermano ancora una volta meta ambiziosa per le compagnie petrolifere di tutto il mondo. Questa volta, i ricercatori di oro nero, vaglieranno anche le acque a largo delle Isole Tremiti, considerate un vero e proprio paradiso terrestre e situate a pochi chilometri di distanza dal promontorio del Gargano.

La notizia giunge proprio a pochi giorni dalla promessa del governo di fermare le trivellazioni nell’Adriatico. Una scelta che fa discutere, quella di concedere alla Petroceltic d’Irlanda il permesso di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi  nel Mar Adriatico, ma che non viola la legge emanata dal governo in quanto il limite minimo di distanza dalle coste è di 12 miglia mentre l’azienda Irlandese si occuperà di rintracciare possibili sedimenti a 13,4 miglia nautiche dal litorale.

Dura la risposta da parte di attivisti e semplici cittadini. Maria Rita D’Orsogna, docente universitaria e attivista ambientale, ha cosi commentato la notizia sulle pagine de “Il Fatto Quotidiano” : “E’ proprio uno strano governo questo, un governo in cui le cose non si fanno con intelligenza e per amore di nazione o di ambiente o di generazioni future. No, è un governo in cui si fanno le cose solo per zittire chi urla di più, per evitare di fare figuracce, per mettere toppe di qua e di là, con furbizie ed imbrogli.”

Anche i politici locali hanno espresso il loro disappunto, come ad esempio l’onorevole Rosa Barone che ha commentato tramite il suo profilo Facebook “Il Governo non si smentisce Mai!!! 31 Dicembre, legge di stabilità, ed ecco il decreto per permettere le trivellazioni alle Tremiti, sempre alla stessa società, sempre nello stesso luogo dove venne permesso dalla Prestigiacomo. Alla faccia dei movimenti e dei cittadini che hanno detto no. Contano solo gli interessi. Noi non molliamo.”