Il Gargano fotografato dalla Stazione Spaziale Internazionale dall'astronauta canadese Chris Hadfield

START, il progetto pugliese per la sicurezza ambientale e marittima

Lo scopo è quello di ottenere una nuova capacità di Coastal Situational ...

Foggia Reporter

Si chiama “STARTacronimo di “SisTemi di rApid mapping e contRollo del Territorio costiero e marino” ed è un progetto di ricerca industriale finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito del Programma “Aiuti a Sostegno Cluster Tecnologici Regionali”.

L’idea è quella di sviluppare una nuova capacità di Coastal Situational Awareness per migliorare e consolidare la conoscenza e la comprensione dell’ambiente marino costiero della Regione Puglia grazie all’integrazione di sistemi osservativi e modellistica previsionale operativa in un Sistema di Supporto alle Decisioni per le aree costiere e i porti. Avviato nel mese di novembre 2015, START si concluderà a marzo 2018.

START
Il logo del progetto START, credits: climathon.climate-kic.org

AMPIE VEDUTE PER MAGGIORE SICUREZZA

Più generalmente START, che focalizza i propri studi sull’area costiera pugliese, inclusi i principali porti della regione, intende progettare e sviluppare strumenti e servizi specifici per la sicurezza ambientale e marittima, per la gestione integrata delle infrastrutture portuali e per la valutazione dei fenomeni di erosione costiera, eventi estremi e inondazione.

START parteciperà alla Climathon di Lecce, un hackathon mondiale sul cambiamento climatico della durata di 24 ore che si svolgerà contemporaneamente nelle principali città del mondo il 27 ottobre 2017. Ogni città lancia la propria sfida sul clima, che riflette un interesse prioritario della vita urbana: i partecipanti affronteranno poi la sfida per un totale di 24 ore, prima di proporre le loro idee agli stakeholder locali interessati; i concorrenti avranno a disposizione il portale web-gis che offre servizi basati su dati previsionali, osservativi e indicatori caratteristici di fenomeni quali erosione costiera, inondazione della fascia litoranea e scenari di cambiamento climatico.

Climathon di Lecce
Climathon di Lecce, credits: meteoweb.eu

GLI OBIETTIVI

Lo sviluppo della progettazione integrata da parte di START permetterà:

  •  l’implementazione di un sistema di early warning e rapid mapping per le coste e i porti per far fronte ad eventi estremi lungo le coste pugliesi, come inondazioni nei tratti costieri, mareggiate all’imboccatura dei porti e tracimazione delle onde in corrispondenza dei moli;
  •  la valutazione della vulnerabilità all’erosione costiera e all’inondazione delle coste pugliesi;
  •  la progettazione di un sistema di supporto alle decisioni per la gestione integrata delle aree portuali.

Le attività di monitoraggio e pianificazione costiera e portuale, per quanto riguarda la costa pugliese, rappresentano un punto fondamentale sia per rispondere alle emergenze costiere, sia per gli studi di dinamica costiera e la progettazione di opere di difesa dai fenomeni erosivi, sia nel contesto della pianificazione urbana e paesaggistica.

FASE SPERIMENTALE

Il modello di START fornirà dati ai siti dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, del Comune di Morciano di Leuca, del Comune di Lecce e del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto. Il sistema di supporto alle decisioni sarà accessibile non solo via web ma anche dai dispositivi mobili ed è basato su tecnologia GIS; offrirà dati utili come: dati osservativi atmosferici, del mare e morfologici; dati di previsione del mare (altezza, periodo e direzione delle onde, temperatura del mare, correnti alla superficie, agitazione ondosa nei porti, altezza d’onda e direzione propagate sottocosta, circolazione nei porti, livello del mare, salinità) e atmosferici (temperatura dell’aria, venti a 10 metri, pressione alla superficie, copertura nuvolosa, precipitazioni); scenari di cambiamento climatico (variazione del livello del mare e delle correnti alla superficie); studi relativi alla tendenza evolutiva della linea di riva; indicatori di inondazione costiera e di eventi estremi e indicatori in ambito portuale, quali eventi di mareggiata, tracimazione, clima ondoso.

ATTENDIBILITÀ

I dati osservativi saranno forniti dall’ISPRA e dall’Autorità di Bacino della Puglia. Quelli di previsione invece sono stati prodotti da START a partire dai modelli atmosferici del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare e dai modelli oceanografici del Servizio Europeo CMEMS, dai quali sono stati sviluppati e implementati ulteriori modelli matematici di nuova generazione ad altissima risoluzione costiera. Il progetto START usa in particolare diversi prodotti del Servizio di monitoraggio dell’ambiente marino di CMEMS per il Mar Mediterraneo, quali condizioni al contorno per il downscaling dinamico dei modelli costieri.


Per chi volesse approfondire può consultare la scheda tecnica del progetto cliccando qui.