Quel Gargano segreto da scoprire in sella ad un destriero

Dalla spiaggia alle contrade il Gargano selvaggio da scoprire a cavallo

Foggia Reporter

Ci sono passioni inesorabili destinate a cambiare per sempre il corso della propria vita. Inizia così la storia di Alessandro Azzarone, istruttore di equitazione e plurivincitore del Palio di San Giorgio, corsa equestre radicata tra le tradizioni del Gargano.

Da piccolo il colpo di fulmine per i cavalli, le lezioni di equitazione prese di nascosto dai genitori che non condividevano l’amore per questo sport, la prima gara a quindici anni che lo ha consacrato vincitore alla corsa di San Giorgio, obiettivo per cui, segretamente si era allenato. Da quel momento una carriera inarrestabile che lo ha portato a battere il record, come fantino vincitore del palio per ben quindici volte consecutive.

Poi però sul mondo delle gare si sono spenti i riflettori, così Alessandro ha deciso di mettere al servizio degli altri la sua esperienza e la sua passione, aprendo un centro di equitazione, la ASD San Giorgio Martire, a Vieste.

Da ben cinque anni è diventato il punto di riferimento per gli sport equestri a livello locale, aprendosi anche ad attività come la didattica con gli animali dedicata ai più piccoli oppure ai disabili che possono trarre vantaggio dal contatto con la natura. Ma il suo cavallo di battaglia – è proprio il caso di dirlo – sono le escursioni a cavallo e il trekking con il destriero che propone ai turisti: innamorarsi delle zone inesplorate del Gargano non è mai stato così facile.

Andare a cavallo provoca delle emozioni che non si possono capire se non lo si prova spiega Alessandro il cavallo è un “mezzo di trasporto ” ecologico in grado di far vivere il Gargano da un punto di vista inaspettato e nuovo, rispetto a quello che può essere l’automobile, la passeggiata o la gita in barca”.

Con i suoi dieci destrieri – tra cavalli murgesi, cavalli Quarter, meticci, Paint americani e il suo pony Falabella – Alessandro organizza escursioni adatte a tutti, in lungo e in largo tra i boschi e le spiagge del Gargano. “La passeggiata a cavallo è un modo per appassionarsi ad uno sport come l’equitazioneracconta Alessandroavere una passione al giorno d’oggi non è così scontato, soprattutto per le nuove generazioni assorbite solo dalla tecnologia: per questo cerco di essere propositivo e invitare chiunque ad approcciarsi a questo mondo“.

ALLA SCOPERTA DEL GARGANO SU UN DESTRIERO

L’escursione a cavallo è adatta a tutti: basta solo seguire le accortezze suggerite dagli istruttori. “I cavalli utilizzati sono dei murgesi – spiega Alessandro –  gli zoccoli sono ferrati con le puntine diamantate, tutti dettagli che consentono di effettuare una passeggiata in perfetta tranquillità. Sono degli animali intelligenti, che hanno instaurato un feeling tra loro, proseguono seguendo la propria postazione e secondo gli ordini impartiti dal fantino in prima fila”. Sono cavalli adatti anche al terreno impervio e scosceso di alcune  zone del Gargano che i turisti altrimenti non avrebbero possibilità di ammirare.

Ovviamente, gli aspiranti cavalieri non vengono lasciati in balia dei destrieri ma sono sempre affiancati da Alessandro o da suo figlio Kevin, che condivide la stessa passione del papà. Tra le varie possibilità, il giro che comprende infatti una cavalcata lungo tutta la costa di Vieste, passando per percorsi sterrati e panoramici attraverso la palude Mezzane, passando poi per la Baia della Tufara, estendendosi sino alla Molinella e alla Baia di Porticello.

Dalla spiaggia alle lande impervie il Gargano segreto si scopre a cavallo

EQUITAZIONE: NON SOLO STILE MA SPORT COMPLETO

Infine non bisogna dimenticare che l’equitazione è uno sport completo: chi non ha mai provato crede che il cavaliere si limiti ad assecondare il movimento del cavallo. “Niente di più sbagliatorivela Alessandroandare a cavallo migliora la postura, la coordinazione motoria, i riflessi, per non parlare anche della stimolazione sensoriale, della migliore percezione dello spazio a livello visivo. Infine, non per importanza, una passeggiata a cavallo libera dallo stress e fa recuperare il contatto con la natura e con gli animali”.

Nessuna tecnologia infatti può sostituirsi ad un’esperienza così coinvolgente che permette di recuperare tante emozioni ormai perdute come il contatto diretto con un animale affascinante, la possibilità di ritrovarsi ad osservare il verde circostante, riscoprire odori e colori che la nuova generazione ha dimenticato. “Andare a cavallo, sia per hobby che per sport, offre delle emozioni impagabili. Tutti possono cimentarsi con questa meravigliosa attività, a cominciare dai bambini che possono cavalcare già dai 7 anni di età.”

Alessandro vi aspetta nel suo maneggio per la vostra prima lezione di equitazione o semplicemente per un trekking a cavallo alla scoperta del Gargano più selvaggio per tutto l’anno.