“Professione: perseguitato politico”, presentazione a Lucera del libro di Cannelonga

Sabato 20 febbraio alle ore 18.30 presso Palazzo D’Auria Secondo a Lucera ...

Foggia Reporter

Sabato 20 febbraio alle ore 18.30 presso Palazzo D’Auria Secondo a Lucera sarà presentato il libro Professione: perseguitato politico, autobiografia di un bracciante pugliese, curato da Severino Cannelonga e scritto dal padre, Carmine Cannelonga, figura unica nella storia della nostra terra. Politico di grande tempra, nato a San Severo nel 1904 da una modesta famiglia di braccianti agricoli, Carmine Cannelonga rivendicò sempre le sue origini contadine e testimoniò la sua fede nella difesa delle classi operaie.

Cannelonga fa parte di quella generazione di giovani che maturò tra l’avvento dei totalitarismi e la seconda guerra mondiale, contribuendo alla costruzione di un mondo nuovo.

Michele Galante nella prefazione al volume lo definisce un costruttore della democrazia del Mezzogiorno, figura storica del movimento operaio e della sinistra di Capitanata, uno dei grandi protagonisti pugliesi della battaglia per la riconquista della libertà e della democrazia soppresse dal fascismo.

Il libro, arricchito dalla testimonianza di Michele Pistillo, racconta la storia del movimento operaio che ha conosciuto nelle campagne del Tavoliere e della Capitanata alcune delle pagine più luminose e significative per la presenza di personalità che hanno segnato con la loro presenza, le loro idee e le loro lotte il percorso di emancipazione delle classi lavoratrici del Mezzogiorno e dell’Italia.

“A scandire questi momenti – scrive Michele Galante nella prefazione – sono stati non soltanto dirigenti appartenenti al filone socialista come Leone Mucci e Domenico Fioritto, o esponenti nazionali di primissimo piano della tradizione del Partito Comunista Italiano come Giuseppe Di Vittorio, Ruggiero Grieco e Luigi Allegato, ma anche quella numerosa schiera di dirigenti provenienti per lo più dalle file dei braccianti del Tavoliere che hanno saputo in questa terra costruire tra le più importanti esperienze democratiche del Novecento”. E Carmine Cannelonga va annoverato tra queste figure.

Introduce il dott. Giuseppe Trincucci, dialoga con Severino Cannelonga l’onorevole Michele Galante. L’ingresso è libero.