Gioco Azzardo Slot 2

Nobile sogna una città senza slot: 69 milioni di euro spesi dai foggiani in soli 6 mesi

Un vero e proprio patrimonio dilapidato dai foggiani

Foggia Reporter

“Pensionate, disoccupati di mezz’età, madri e padri di famiglia e giovani con ancora indosso la tuta da lavoro sostano ogni giorno in attesa di un numero, del risultato di una partita o di tre immagini vincenti, con le mani sudate, in preda all’ansia, consapevoli di aver appena bruciato parte della propria pensione, dello stipendio mensile, dei risparmi di famiglia, ma incapaci di fermarsi.

Tantissimi/e ogni giorno dilapidano centinaia di euro – OLTRE 69 MILIONI nel primo semestre del 2017 (fonte: Info Data – Il Sole 24 Ore) – nella nostra città.” – queste le parole di Mario Nobile, candidato al Consiglio Comunale con Pippo Cavaliere, che sogna una città libera dalle slot. – “A volte non ce ne accorgiamo, a volte facciamo finta di niente,” – prosegue Nobile – “ma questi nostri vicini, parenti, amiche, concittadini sono affetti da una vera e propria patologia – la c.d. “ludopatia” – su cui lo Stato, detentore del monopolio sul gioco d’azzardo, stenta ad intervenire in modo adeguato, e la #Mafia S.p.A., fornitrice di moltissime macchinette mangiasoldi, continua a lucrare da anni.

Questa emergenza rappresenta una vera e propria piaga sociale che minaccia la “salute pubblica”, di cui il Comune è responsabile. Anche per questo io e Pippo Cavaliere abbiamo firmato l’appello di Avviso Pubblico. La rete nazionale degli Enti locali antimafia che prevede anche la lotta al Gioco d’azzardo e ci impegneremo per rendere Foggia una città #NOslot.

Studiando alcune esperienze virtuose di altre città, ho formulato 5 proposte che porterò avanti se eletto in Consiglio comunale:
– restrizioni sul rilascio di nuove licenze per sale giochi;
– introduzione del “distanziometro”, con cui venga verificato il limite minimo di 500 metri dai luoghi “sensibili”, quali scuole, ma anche luoghi di ritrovo per anziani ed oratori.
– sconto sulla TARI per locali NO SLOT e multe salate per chi non rispetta la normativa;
– creazione di un’unità operativa dell’Assessorato ai Servizi Sociali che si occupi della prevenzione mediante iniziative pubbliche ed interventi mirati da parte di assistenti sociali appositamente formati;
– stipula di un Protocollo d’intesa con il Foggia Calcio per la promozione di progetti nelle scuole contro il gioco d’azzardo”