Maculopatia, crediti: optykelk.pl

Maculopatia e retinopatia: le date del “Mese della Prevenzione”

Si potrà effettuare una visita oculistica gratuita volta alla rilevazione ...

Foggia Reporter

Febbraio è il Mese della Prevenzione della Maculo e Retinopatia diabetiche: l’iniziativa, dal 4 al 28 febbraio, si svolgerà con il patrocinio del Ministero della Salute e della Società Oftalmologia Italiana in tutto il territorio italiano.

Ben 30 i Centri su territorio nazionale in cui si potrà effettuare una visita oculistica gratuita volta in particolare alla rilevazione di queste due patologie invalidanti le quali, se non diagnosticate in tempo, possono condurre il paziente che ne è affetto alla cecità. Tutti gli screening saranno effettuati da equipe medico-infermieristiche che dispongono di attrezzature all’avanguardia come EyeArt, il software che utilizza un algoritmo di intelligenza artificiale per analizzare le immagini del bulbo oculare acquisite mediante la telecamera retinica.

Correlazione tra insorgenza del diabete mellito e incidenza della maculopatia e retinopatia

Secondo quanto riportato dalla Società Oftalmologica Italiana e dalla Società Italiana di Diabetologia, quando il diabete mellito viene diagnosticato oltre i 30 anni di età la prevalenza di retinopatia diabetica varia tra il 21% negli individui con diabete insorto da meno di 10 anni e il 76% in quelli con più di 20 anni dalla diagnosi: in genere il 30-50% della popolazione diabetica è affetto da retinopatia in forma di varia gravità. Una conferma di come il diabete rappresenti il “pericolo numero uno” per gli occhi.

  • tecnologia: così l’intelligenza artificiale per la cura dei nostri occhi

Intanto, negli States, la Food and Drug Administration (l’Agenzia istituzionale statunitense che presiede alla regolamentazione di alimenti e farmaci) ha autorizzato la commercializzazione e l’utilizzo del primo dispositivo medico che – avvalendosi di intelligenza artificiale – è in grado di rilevare i sintomi di maculo e retinopatia diabetica negli adulti con diabete.

In particolare, la retinopatia diabetica si verifica quando alti livelli di zucchero nel sangue portano a danni nei vasi sanguigni della retina, il tessuto sensibile alla luce nella parte posteriore dell’occhio. La patologia è la più comune nelle persone che vivono con il diabete e la principale causa di menomazione della vista e cecità tra gli adulti in età lavorativa. A tal proposito riportiamo le affermazioni di uno dei massimi esperti italiani, il dottor Lucio Buratto, Direttore Scientifico del Centro Ambrosiano Olftalmico (CAMO): “L’individuazione precoce della retinopatia è una parte importante della gestione delle cure per i milioni di persone con diabete, tuttavia molti pazienti con diabete non sono adeguatamente sottoposti a screening per retinopatia diabetica poiché circa il 50% di loro non vede il proprio oculista su base annuale.

Maculopatia
Maculopatia, crediti: smomatteotti.com

Il nuovo dispositivo che si avvale di EyeArt, il software che utilizza un algoritmo di intelligenza artificiale per analizzare le immagini dell’occhio prese con una telecamera retinica, è molto intuitivo e facile da usare: lo specialista carica le immagini digitali della retina del paziente su un server e se le immagini sono di qualità sufficiente, il software fornisce al medico i risultati sullo stato della retina in tempo reale. In caso di riscontro positivo, i pazienti sono invitati a consultare un oculista per un’ulteriore valutazione diagnostica e un possibile trattamento da iniziare il più presto possibile.

La FDA inoltre ha valutato i dati di uno studio clinico di immagini retiniche, dopo che sono stati analizzati i dati di ben 900 pazienti con diabete in 10 Centri di assistenza primaria: EyeArt è stato in grado di identificare correttamente la presenza di una retinopatia diabetica più che lieve nell’85% dei casi, “scartando” correttamente i pazienti che non affetti da retinopatia diabetica (90% degli esaminati).

Centri per lo screening gratuito

Sono trenta le strutture sul territorio italiano in cui sarà possibile effettuare lo screening: 8 in Lombardia, 4 in Puglia e Toscana, 3 in Campania, 2 in Piemonte, e 1 centro per Liguria, Veneto, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Sicilia e Sardegna.

Lo screening gratuito sarà effettuato, dal 4 al 28 febbraio, da equipe medico-oculistiche qualificate, dotate di attrezzature e software all’avanguardia come l’intelligenza artificiale di Eye Art; al momento in Puglia, vi è la disponibilità presso i seguenti centri:

Canosa (BT) – Ospedale “Caduti in Guerra” – Via G. Bovio, 81

Bari – Divisione Oculistica Ospedale Di Venere Bari – Via Ospedale di Venere 1

Bari – Clinica Oculistica Universitaria Policlinico di Bari – Piazza Giulio Cesare 11

Lecce – Ospedale Vito Fazzi – Piazzetta Muratore

Seguiranno aggiornamenti circa date e sedi in Capitanata.