Sindaco Landella

Landella: “E’ viva Foggia”

Alla vigilia delle primarie del centrodestra abbiamo incontrato il Sindaco ...

Foggia Reporter

In vista delle ormai prossime primarie del centrodestra foggiano (il 24 febbraio, ndr), abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il Sindaco uscente e candidato in quota Forza Italia, Franco Landella.

“Alle promesse preferiamo i fatti”: che futuro vuole per Foggia?

Foggia è una città meravigliosa e straordinaria, dalle immense ed innumerevoli potenzialità. Dobbiamo imparare tutti a crederci, abbandonando quel senso di disfattismo e di autocommiserazione che spesso ci affligge. Alle promesse preferiamo i fatti perché ciò che abbiamo realizzato in questi cinque anni di lavoro è sotto gli occhi di tutti, non è una promessa vaga ma un dato reale, che foggiani vivono ogni giorno: Cultura, infrastrutture, riqualificazione urbana, programmazione.  Bisogna continuare nell’attività che abbiamo avviato, per dare continuità ai tanti progetti che abbiamo messo in cantiere e per non interrompere quel percorso di rinascita che ha restituito a Foggia orgoglio e futuro.

 “È viva Foggia”: cosa rappresenta per lei questa città?

Non voglio sembrare retorico, ma Foggia rappresenta la mia vita. Non è solo la città in cui affondano le mie radici e quelle della mia famiglia, in cui sono nati i miei figli. È il luogo a cui sento di appartenere e che amo profondamente. Quando cinque anni fa ho scelto di candidarmi alla carica di sindaco l’ho fatto perché ho sentito di avere un credito verso Foggia. La nostra città mi ha dato tanto, ed io mi sono sentito in dovere di restituire con il sacrificio e l’impegno almeno una parte di ciò che ho ricevuto.

Perché i foggiani devono darle nuovamente la loro fiducia?

Perché, proprio come dicevamo all’inizio, darmi ancora fiducia vuol dire preferire la concretezza alle parole, i risultati alle promesse. Il mio manifesto politico non è uno slogan, ma il risultato ed il bilancio di questi cinque anni di amministrazione. Il mio manifesto politico è ciò che i foggiani hanno vissuto e vivono, è il cambio di passo radicale rispetto alle amministrazioni di centrosinistra che hanno fatto sprofondare Foggia nel baratro e che hanno ridotto il Comune al dissesto finanziario. Io non prometto il cambiamento, perché insieme l’abbiamo già realizzato. E penso che Foggia meriti di andare avanti, non di tornare indietro.

Crede ancora nel centrodestra unito?

L’unità della coalizione di centrodestra è un valore irrinunciabile. Ce lo hanno dimostrato le elezioni regionali in Abruzzo con la vittoria di Marco Marsilio. Quando il centrodestra è unito vince. Quando la coesione politica è unità elettorale i nostri valori si affermano e sono maggioranza. È proprio per difendere questo principio che ho accettato di partecipare alle elezioni primarie. Il nostro popolo ci chiede compattezza e non divisioni, ci chiede di combattere fianco a fianco contro i pericoli rappresentati dal ritorno di quel nefasto centrosinistra e dall’arrivo dell’incompetenza del Movimento 5 Stelle. Insieme abbiamo già vinto cinque anni fa. Dobbiamo impegnarci, tutti, per farlo ancora.