Crediti Foto: bari.repubblica.it

Foggia, secchi colorati alle finestre del Palazzo del Consorzio di Bonifica

I foggiani sono incuriositi da questi secchi colorati, ecco perchè sono lì

Foggia Reporter

Foggia – Molti foggiani in questi giorni si sono chiesti il motivo della presenza di numerosi secchi colorati sui davanzali delle finestre del Palazzo del Consorzio di Bonifica di Corso Roma. Un’installazione artistica legata alla Settimana Nazionale della Bonifica e dell’Irrigazione che quest’anno ha scelto come tema: “Acqua é…”.

“Acqua é” è anche il titolo dell’originale e colorata installazione che vediamo sulla facciata dello storico e caratteristico palazzo del centro di Foggia, bellissimo esempio di architettura fascista del capoluogo dauno. L’installazione è opera di Pietro Ricucci, un abile artista e dipendente del Consorzio che ha voluto raffigurare con 120 secchi colorati, 1200 litri di acqua, per spingere i foggiani alla riflessione affidandosi alla potenza dell’immagine e del colore.

“Attingere alla potenza dei segni per donare l’occasione di tornare a pensare all’acqua, senza urlare, con la giusta gioiosità e delicatezza” – si legge nella legenda dell’installazione.

Torniamo bambini e cerchiamo di comprendere le cose in modo semplice, con la giusta giocosità e delicatezza, è questo il messaggio che Ricucci lancia a tutti i foggiani. Con questa colorata e fresca idea il palazzo del Consorzio di Foggia cambia veste e cerca di far alzare sempre più sguardi, invitando i cittadini a riflettere su delicati temi che ci riguardano ogni giorno. L’acqua è un bene inestimabile, non sprechiamolo e gestiamolo al meglio.

Fonte: bonificacapitanata.it