Cultura e territorio

Foggia, San Lorenzo in Carmignano: partono i lavori per riqualificare la chiesetta del Salice Nuovo

Foggia – Lungo la strada del Salice Nuovo fa capolino una piccola chiesa, si tratta di San Lorenzo in Carmignano, una delle chiese più antiche della città di Foggia, presente già nel XII secolo. Purtroppo l’antica chiesetta rurale giace abbandonata in quella che un tempo era l’area abitata dai Normanni. La piccola e antica chiesa, purtroppo, fino a pochi giorni fa era abbandonata a se stessa ma ieri, finalmente, sono iniziati i lavori.

La chiesa insieme alla Domus Pantani di Federico II era un luogo molto importante per la produzione agricola ed era al centro di una piccola e attiva collettività rurale. Dopo un lungo periodo di splendore e dopo esser stata nel Medioevo il centro pulsante di cultura, attività e culto, la caratteristica chiesetta del Salice Nuovo è stata abbandonata ed è diventata un triste rudere di campagna.

Negli ultimi decenni San Lorenzo in Carmignano è stata usata come stalla, è stata oggetto di atti vandalici ed è stata abbandonata al trascorrere del tempo. Secondo alcuni studiosi in questa piccola chiesa, un tempo, sorgeva uno scriptorium in cui i monaci amanuensi copiarono importanti manoscritti, e c’è chi ipotizza che proprio a San Lorenzo in Carmignano possano essere stati realizzati gli Exultet custoditi nel Tesoro della Cattedrale di Troia, di inestimabile valore artistico, storico e culturale.

Il quartiere Salice Nuovo è molto legato a questa antica chiesa, patrimonio della cultura e della tradizione locale. Il nostro territorio è costellato da sconosciute, belle e abbandonate chiese rurali, memorie di un tempo ormai passato e legate al mondo contadino. Le si può notare nelle campagne e nei quartieri periferici della città, come nel caso della nostra San Lorenzo in Carmignano, circondata da un alone magico e storico.

Immersa nelle sterpaglie questa caratteristica chiesetta ci porta con l’immaginazione indietro nel tempo, possiamo vedere scene della Corte federiciana, i Normanni e l’imperatore Federico II.

Costruita su di una amena collinetta lambita dal torrente Salice la chiesetta presenta una struttura molto semplice, come quella tipica delle chiese rurali pugliesi. L’edificio, di origine medievale, che purtroppo mostra i segni dell’incuria, dei vandali e del tempo, è realizzato in pietra, così come è in pietra l’altare che si trova al suo interno.

In un interessante articolo comparso sul Corriere di Foggia del 27 gennaio 1949, scritto da Mario Menduni (giornalista e scrittore foggiano), si parla della storia di questo importante bene culturale della nostra città e conferma l’importanza storica che il sito di San Lorenzo in Carmignano ha avuto nel corso dei secoli.

Da anni Dario Iacovangelo, si batte per dare una nuova vita alla chiesa di San Lorenzo in Carmignano, chiedendo a più riprese l’avvio immediato dei lavori per il restauro e la rivalorizzazione di questo sito archeologico dal valore inestimabile. Finalmente, ieri, dopo anni di battaglie in cui il politico e candidato consigliere di Forza Italia si è schierato in prima linea, sono partiti i lavori. Ieri è stata posata la prima pietra per la riqualificazione della piccola e anticha chiesetta della periferia foggiana.

(Fonte: Lettere Meridiane)

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 28 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da due anni curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Scrivo e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock