Foggia, rissa di gruppo in pieno centro: sette arresti e due donne ferite

Provano ad occupare un immobile ma il quartiere si ribella

Foggia Reporter

Foggia Sette persone arrestate per una violenta rissa scoppiata in pieno centro.

Nella notte tra giovedì e venerdì scorsi i Carabinieri del NORM della Compagnia di Foggia, con il supporto dei colleghi della Stazione di Foggia San Lorenzo, hanno tratto in arresto per rissa sette persone, tutte italiane, tra le quali alcuni pregiudicati.

La lite era divampata in via Sant’Elena quando tre degli arrestati, anagraficamente residenti a San Marco in Lamis ma di fatto senza fissa dimora, erano stati scoperti da alcuni residenti proprio mentre stavano tentando di occupare un locale disabitato al pianterreno.

I vicini avevano inizialmente intimato agli occupanti di andarsene, ma in breve dalle parole si era passati alle vie di fatto, facendo rapidamente degenerare la situazione fino alla rissa, alla quale si erano aggiunti anche i proprietari dell’immobile, giunti sul posto subito dopo essere stati avvisati dai vicini.

Durante lo scontro, che era continuato anche alla presenza dei militari intervenuti per sedare la rissa, due donne avevano riportato lesioni da armi da taglio, una con prognosi di dieci giorni e l’altra di 30.

Sabato mattina il GIP di Foggia ha convalidato l’arresto nei confronti di tutti gli indagati, tranne che per una donna, assente per ragioni sanitarie, la cui udienza di convalida è stata pertanto rimandata a data da destinarsi.

Il GIP ha inoltre disposto la permanenza in carcere degli altri due senza fissa dimora, e sottoponendo all’obbligo di presentazione alla PG gli altri tre indagati. Una sola ragazza, incensurata, dopo la convalida dell’arresto è stata rimessa in libertà senza misure cautelari di alcun tipo.