Foggia, operaio morto travolto da una balla di fieno: rinviati a giudizio gli imputati

Collega e datore di lavoro rinviati a giudizio per omicidio colposo

Foggia Reporter

Aveva scosso l’opinione pubblica, il 24 ottobre dello scorso anno, la notizia del’operaio morto in una azienda agricola che si trova in località Torre di Lama ad Arpinova, a pochi chilometri da Foggia.

L’uomo, Michele Tarallo, stava caricando alcune balle di fieno a bordo di un camion e una di queste lo avrebbe schiacciato. L’operaio è morto sul colpo.

A nulla erano valsi i tentativi di rianimarlo. Una vera e propria tragedia si era consumata alle porte del capoluogo dauno, una terribile morte sul lavoro.

Dopo quasi un anno da quel tragico giorno è stato chiesto il rinvio a giudizio per il datore di lavoro e per il collega della vittima, conduttore del muletto.

I due imputati sarebbero entrambi responsabili per la morte di Tarallo.

Il primo perché non avrebbe fornito le opportune istruzioni e cautele, il secondo perchè conducendo il muletto non avrebbe prestato la dovuta attenzione.