Cultura e territorio

Leonardo Manzi, martire foggiano a soli 17 anni per difendere il Tricolore

Foggia – Tanti i foggiani simbolo della storia italiana di cui non se ne parla molto.

Tra questi vi è il giovanissimo Leonardo Manzi, che a soli 17 anni morì a Trieste per difendere il Tricolore, uno dei più giovani eroi della storia della nostra città.

Leonardo si trovava a Trieste e tra il 5 e 6 novembre, in occasione di una manifestazione che chiedeva l’annessione di Trieste all’Italia, la polizia inglese sparò senza pietà sulla folla presente uccidendo freddamente sei persone, tra queste anche il giovane foggiano.

Facciamo un passo indietro. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale l’Italia perse una regione del proprio territorio nazionale: la Venezia Giulia.

Il trattato di Parigi del 1947 aveva decretato, infatti, la nascita del territorio libero di Trieste, territorio che all’epoca comprendeva anche una parte dell’Istria, uno stato indipendente sotto l’egida dell’ONU, destinato a fungere da cuscinetto fra Italia e Jugoslavia.

Il mancato accordo tra le potenze su quale Governatore nominare portò il TLT (Territorio Libero di Triese) ad essere diviso in due zone: la Zona A, governata dal Governo Militare Alleato (GMA), e la Zona B, sotto amministrazione militare jugoslava.

Alla fine del 1953, gli Alleati, inglesi e americani si mostrarono disponibili a concedere il territorio di Trieste all’Italia, scatenando così la violenta reazione di Tito.

Di fronte alla violenta reazione del leader jugoslavo che si prepara a invadere Trieste, gli anglo-americani fecero un passo indietro suscitando importanti proteste da parte degli italiani.

Gli studenti triestini proclamarono scioperi e manifestazioni per chiedere l’annessione di Trieste all’Italia.

Da questo momento si susseguirono i violenti e gravi incidenti passati alla storia come la “Rivolta di Trieste” che costarono la vita al giovane eroe foggiano, un 17enne che morì per difendere la bandiera italiana.

La città di Foggia, nel 1971, ha dedicato al giovane studente una strada del quartiere Candelaro. Inoltre, dal 1953, nella piazzetta dei Martiri triestini, nelle vicinanze del palazzo del Comune, si erge una lapide in ricordo del 17enne foggiano.

Fonte: Storia di Foggia di Leonardo Scopece, Wikipedia

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock