Foggia, Landella punta sulle periferie: “Istituiamo Consigli di quartiere”

Maggiore partecipazione dei cittadini con l'istituzione di Consigli di quartiere

Foggia Reporter

Foggia – Il sindaco uscente, Franco Landella, punta sulle periferie e le pone al centro dell’azione di governo con l’idea di istituire “Consigli di quartiere” per avvicinare il Comune alle istanze specifiche delle diverse aree della città.

Ecco cosa ha scritto ieri sulla sua pagina Facebook: “Il 2 giugno è la festa degli Italiani, di tutti gli Italiani che celebrano l’adesione ai principi di democrazia e libertà in un clima di riconciliazione nazionale.

In questa giornata voglio affermare con forza che la nostra Repubblica va difesa e protetta, ma anche che deve essere costruita su basi di vera partecipazione popolare.
Nei giorni scorsi ho visitato alcuni quartieri periferici di Foggia, cominciando dal CEP e dal Rione Candelaro. Proseguirò questo itinerario, passando anche dai Rioni Biccari, Diaz e Martucci. Il contatto con la gente, che non ho mai perso in tutta la mia attività amministrativa – e soprattutto in questi 5 anni da sindaco – è sempre esaltante e produttivo. Ho riscontrato entusiasmo, sostegno ed ascoltato quelle istanze che devono servire a calibrare i programmi di governo della città”.

E continua: “Gli incontri che ho avuto hanno rafforzato la mia convinzione che l’abolizione delle Circoscrizioni, così come quella che ha sottratto funzioni e competenze alle Province, sono state scelte sbagliate, che hanno fatto venir meno meccanismi importanti di democrazia e di rappresentatività dei cittadini.

Ogni Amministrazione, almeno nei suo intenti più nobili, tende a soddisfare attraverso servizi efficienti i bisogni primari comuni a tutti i cittadini. Ma l’attenzione verso i bisogni primari finisce inevitabilmente per assorbire le energie dell’Amministrazione e soffocare le problematiche dei singoli quartieri. Problematiche diverse che rischiano di rimanere inascoltate ed inevase.

Per questo mi sono convinto della necessità assoluta di provvedere nell’immediato futuro a dar vita a ‘Consigli di quartiere’ permanenti, o se vogliamo a ‘Comitati di quartiere’, che siano non solo siano capaci di intercettare i problemi e le istanze dei cittadini di ogni singola area di Foggia, ma che possano incidere e orientare una parte della spesa pubblica stralciata dal bilancio e destinata specificamente a risolvere proprio quelle problematiche particolari che i quartieri hanno evidenziato.

Questa maggiore partecipazione dei cittadini e questo maggiore coinvolgimento della città a livello decisionale, credo possano essere un notevole passo in avanti per far vincere Foggia, abbandonando definitivamente il suo passato più cupo ed oscuro”.