Cultura e territorio

Foggia Film Festival 2019: inizia la competizione delle pellicole in concorso

Foggia – La IX edizione del Foggia Film Festival entra nel vivo della competizione dedicata alle pellicole in concorso.

Il claim diquest’annoè Social landing, l’approdo sociale, dove attraverso la narrazione cinematografica è possibile vivere esperienze che riguardino tematiche di strettissima attualità, come l’integrazione, la cultura della pace, della non violenza e della tolleranza, passando per il bullismo, la disabilità, la parità di genere, sino alla legalità, al lavoro e all’ambiente.

Si comincia, domenica 24 novembre, alle ore 19,30 con “SOLO COSE BELLE”, il lungometraggio diretto da Kristian Gianfreda dedicato al tema dell’inclusione sociale.


In seguito è il turno dei cortometraggi: “BATTITI” diMichele Bizzi, opera seconda incentrata sulla gestione delle emozioni e sui rapporti umani. Parla di integrazione sociale invece il corto del regista Mohamed Zouaoui, dedicato alla storia di un ragazzo nordafricano alla ricerca del suo riscatto in Italia, “THE SOUL”.  Il ruolo della donna e dell’uomo nel mondo moderno è il tema del cortometraggio “FULMINI E SAETTE” girato da Daniele Lince.

Come ogni anno, il Foggia Film Festival, lascia spazio anche al documentario: per la categoria, in programmazione sempre domenica 24 novembre, fuori concorso, sarà proiettato “STORIA DAL QUI” di Eleonora Mastropietro. Opera prima girata in Puglia, sullo sfondo di Ascoli Satriano dedicato al tema mai sorpassato dell’emigrazione degli italiani in cerca di fortuna verso il Nord Italia.

Si ricomincia lunedì 25 novembre con il secondo giorno di proiezioni.

Nell’ambito dello Student Film Festival, saranno proiettate le opere in concorso per la sezione “High School”, “BELLA D’ESTATE” regia Collettivo Liceo “P.Villari” di Napoli, “STANDHALL”, regia Marcello Giovani, I.S. “Copernico- Manieri” di Roma e “L’AUTORE MIGLIORE”, regia di Marco Mamprin, I.I.S. “Scarpa-Mattei”, in provincia di Varese.

Alle ore 11, LEZIONE DI CINEMA, con l’attore Alessio Praticò.

Ad aprire la competizione, per le proiezioni del pomeriggio, dalle ore 17,15, il documentario in concorso: “SCARAMUCCE”, di Alfredo Chiarappa, che affronta il tema delle tradizioni legate al passaggio dall’adolescenza all’età adulta. E’ dedicato invece al calciatore Cesare Alberi il documentario “SONO CESARE MA CHIAMATEMI MIMMO” girato da Orfeo Orlando.

Quattro invece i cortometraggi in concorso sempre nella medesima giornata: “LADRI DI INFANZIA” di Giovanni Stella; un bimbo rom e un bimbo borghese si incontrano, in un intreccio di esperienze destinate a cambiarli per sempre. “VOLER ESSERE FELICE AD OGNI COSTO” è il corto di Michele Bertini Malgarini: ambientazione pugliese per raccontare una storia d’amore a cui fa da sfondo il tema della disabilità sensoriale. “VADO L’AMMAZZO E TORNO”, girato da Pietro Birindelli, storia di un padre malato e di un figlio disposto a tutto pur di salvarlo: anche a rubare la vita di chi, invece, è morto “dentro”. Anche la coppia di “VELLUTO BIANCO”, regia di Felice Antignani, è disposta a tutto pur di superare gli ostacoli che incontrano sulla propria strada.

Alle ore 19,15 spazio invece alle proiezioni fuori concorso come “UVA” di Roberto Moretto, “TIME TO CHANGE”  di Maryam Rahimi, “SANPIETRO” di Andrea Chinappi e “DOPPIO SEI” con la regia di Pierluigi Braca e Luigi Montebello.

Dalle ore 20,15 si riprende con gli ultimi cortometraggi in concorso del giorno: “LA CONSEGNA”, commedia di Paolo Porchi sullo sfondo di un’Italia che non si è qualificata ai mondiali di calcio del 2018.  “KLUNNI THE CLOWN” di Francesca Conte e Sara Colonnelli, thriller psicologico che tiene con il fiato sospeso. “UNA COSA SU NAPOLI” , diretto da Valerio d’Ambrosio, è un corto drammatico sul rapporto tra un padre e un figlio. “TRE FRATELLI”, regia di Lidia Vitale, è un viaggio tra i rapporti umani dei protagonisti. Ultimo corto in concorso della giornata, “LA STANZA BIANCA”, di Francesco d’Amore e Mario Vezza, in cui si racconta l’esperienza del coma vissuta dalla mente del protagonista.


Si chiude infine, alle 21,15, con il lungometraggio in concorso, “CATHARSYS”, di Yassine Marco Marroccu, una pellicola drammatica che racconta il viaggio di un uomo perduto.

Previsti, durante le proiezioni, gli interventi di attori e registi.

Per approfondire il programma del festival e le schede dei film: www.foggiafilmfestival.it.

Student Film Festival è un’iniziativa sostenuta e realizzata con Apulia Film Commission, finanziata dalla Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale, nell’ambito dell’intervento “Viva Cinema – Promuovere il Cinema e Valorizzare i Cineporti di Puglia 2019-2020”, a valere su risorse FSC 2014/2020 – Patto per la Puglia.

ll Foggia Film Festival è sostenuto, promosso e co-organizzato dal Centro di Ricerca Teatrale e di Cinematografia ‘La Bottega dell’Attore’ e Assessorato Cultura Città di Foggia, in collaborazione con Mediafarm e Apulia Digital Maker, con il sostegno di Fondazione dei Monti Uniti di Foggia.

Partners FFF 2019: Coop Alleanza 3.0 e Rosso Gargano.   

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock