Attualità

“A Foggia gli arcobaleni sono più forti delle bombe”: la risposta degli ospiti del centro “Il Sorriso”

Foggia – Dopo due giorni dalla bomba che ha colpito il centro “Il Sorriso di Stefano, una cosa è chiara: gli arcobaleni sono più forti delle bombe.

La forza, il coraggio, la voglia di sorridere e la partecipazione, tutti ingrendienti che scandiscono le giornate degli ospiti del centro sociale polivalente di Foggia.

I fratell Christian e Luca Vigilante (amministratore del centro “Il Sorriso”), manager di Sanità Più del Gruppo Telesforo di Foggia, sono nuovamente nel mirino della criminalità foggiana.

Tuttavia la passione per il proprio lavoro e la cura dei più deboli della città è più forte di qualsiasi intimidazione.

Nella struttura di via Vincenzo Acquaviva, tante persone hanno trovato rifugio, attenzioni e assistenza.

Per questo motivo la battaglia di Luca Vigilante continua. “Noi non chiuderemo, stiamo parlando di una struttura che gestisce la fragilità delle persone, non possiamo chiuderla.

Se chiudessimo ora avremo fallito tutti. Andiamo avanti”, queste le sue parole pochi minuti dopo la bomba, l’ennesima, fatta esplodere davanti alla saracinesca del centro.

Dietro a quella saracinesca divelta dai segni della mafia, orribile piaga della nostra amata e amara terra, troviamo i colorati arcobaleni dei nonnini del Sorriso di Stefano, con le scritte “Andrà tutto Bene”.

A Foggia, gli arcobaleni sono più forti delle bombe, i disegni colorati degli anziani spazzano via il grigiore di atti vili come quello avvenuto in un tiepido pomeriggio di inizio aprile.

Fonte: sanitapiu.it

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock