Politica

Foggia, Angiola: violato il regolamento del Consiglio comunale

FOGGIA – Il consigliere comunale di minoranza Nunzio Angiola ha commentato la seduta odierna del Consiglio Comunale. Angiola ha, in particolare, sottolineato una incresciosa violazione della trasparenza. “Durante un’accesa discussione sulla proposta di aumentare il numero dei consiglieri di amministrazione delle partecipate del Comune di Foggia da 3 a 5, a invarianza di spesa – scrive Angiola – la presidente del Consiglio comunale ha sospeso i lavori, intimando altresì agli impiegati che gestivano le riprese web di interrompere le stesse riprese. Ovvio che si è voluto nascondere qualcosa. Ma c’è un problema. C’è stata una violazione del Regolamento dei Consiglio, perché quando si sospendono i lavori, le riprese non si interrompono mai. Siamo all’ABC. Cito un esempio che non possiamo ignorare. Di recente a Montecitorio quando il deputato Leonardo Donno è stato aggredito dal deputato della Lega Igor Iezzi e altri, la seduta è stata sospesa, ma non sono state interrotte le riprese web. Le riprese web si interrompono SOLO quando TERMINA LA SEDUTA. Le registrazioni non vengono mai interrotte, come non vengono mai interrotte e non sono MAI state interrotte finora a Foggia durante le pause e le sospensioni di qualunque tipo. La gente deve poter sapere ciò che succede anche quando la seduta viene sospesa e fino a quando non termina, l’aula consiliare deve essere una casa di vetro anche quando i lavori sono sospesi per fatti gravi, la gente deve poter sapere COSA STA SUCCEDENDO. Se si argomenta diversamente, l’intento non può che essere quello di nascondere qualcosa e nascondere fa rima con opacità”.

Vincenzo D'Errico

Giornalista professionista e scrittore, impegnato a lungo nell’emittenza locale, collaboratore del quotidiano L’Edicola del Sud, direttore della Rivista Filosofia dei Diritti Umani / Philosophy of Human Rights.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio