Economia

Criptovalute: ecco le nuove monete digitali da monitorare con attenzione secondo gli esperti

Nelle ultime settimane, nel settore delle criptovalute sembra essersi innescata una rotazione: il Bitcoin, che in passato ha sempre svolto la funzione di apripista, è fermo ai box da un po’di tempo – da marzo i prezzi si muovono all’interno di una congestione molto ampia, con il top formato da massimi sporchi leggermente crescenti-, di conseguenza l’attenzione degli investitori si è focalizzata su altri sottostanti, come ad esempio Ethereum e Ripple, che mostrano attualmente una forza relativa superiore.

Naturalmente, le strutture di lungo periodo, da un punto di vista tecnico, continuano a mostrare in generale un’intonazione positiva, tuttavia provenendo da un lungo rialzo, molti risparmiatori hanno iniziato a focalizzare la loro attenzione su asset digitali emergenti, che potrebbero ripercorrere in futuro lo stesso percorso delle criptovalute più conosciute.

Per sfruttate l’eventuale potenziale di crescita di questi asset è consigliabile approfondire i vari progetti che iniziano a muovere i primi passi nel mondo della blockchain; a tal proposito è interessante il contributo di un articolo di investireinborsa.org -il portale finanziario che si occupa del trading sulle digital currencies- in cui vengono esaminate le criptovalute emergenti e i temi più caldi per il futuro prossimo. In questa selezione di nuove criptovalute, in particolare, la guida mette in evidenza le caratteristiche principali di alcune applicazioni, che ancora non sono molto conosciute, se non dagli esperti del settore.

Solana e la finanza decentralizzata

Solana è un’infrastruttura decentralizzata molto veloce, che permette di processare un volume enorme di transazioni nell’unità di tempo. Oltre ad avere commissioni molto basse, ha anche un supporto per l’utilizzo degli smart contract e, qualora riuscisse a contenere i costi anche in fase di utilizzo su larga scala, potrebbe dimostrarsi un valido concorrente per Ethereum. La scalabilità del progetto è resa migliore grazie al metodo di consenso Proof of History.

Creare sotto-blockchain con Avalanche

Il progetto Avalanche ha l’obiettivo di aumentare il volume e la velocità delle transazioni all’interno del blockchain, scalandone l’operatività. Attraverso l’utilizzo delle sue funzionalità, inoltre, è possibile creare token personalizzati e persino digitalizzare asset finanziari.

Anche in questo caso, vale lo stesso discorso fatto per Solana: essendo il protocollo di Avalanche compatibile con la virtual machine di Ethereum, la migrazione verso il nuovo progetto, da parte dei programmatori -possibile con un semplice copia e incolla- pone la cripto come diretta concorrente di Eth, qualora si dimostrasse in futuro più efficiente.

AAVE per prestiti decentralizzati

Un’applicazione molto interessante in ambito di finanza decentralizzata è quella di Aave. Il sistema dà la possibilità ai propri fruitori di prestare e ottenere un finanziamento, con un processo automatizzato, avendo come collaterale asset digitali.

A tutto ciò si aggiunge il fatto che il progetto può essere utilizzato anche dagli exchange che si occupano di questo tipo di transazioni, per creare il match domanda e offerta e relativo tasso di interesse.

KLAYTN infrastruttura per servizi

Klaytn nasce come progetto open source per offrire un’infrastruttura per servizi. L’obiettivo è quello di costruire un framework robusto attorno al quale possano svilupparsi altre blockchain indipendenti. I dati gestiti da Klaytn sono messi a disposizione di tutte le App decentralizzate per essere utilizzati dai programmatori e, a garanzia della solidità della rete, vi è la presenza di grandi player come Samsung e Binance.

Queste sono solo alcune delle più interessanti criptovalute, all’interno di una più ampia selezione presente nel tutorial di investireinborsa.org; inoltre, il team di esperti del portale approfondisce l’aspetto operativo sui vari asset digitali collegati ai progetti: attraverso l’utilizzo di broker operanti sui mercati over the counter, infatti, è possibile negoziare degli strumenti finanziari che replichino l’andamento del prezzo della moneta virtuale. Tali contratti, denominati CFD, possono essere acquistati o venduti attraverso delle piattaforme che hanno dei costi molto contenuti e che offrono ai loro clienti numerosi strumenti di trading, grazie ai quali è possibile effettuare analisi grafiche e gestire le posizioni con grande agilità.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock