Attualità

San Severo, Miglio: “Esercenti irresponsabili che restano aperti, vi disprezziamo”

San Severo – Ormai non ci saranno più zone rosse. In tutta Italia, da Nord a Sud, compresi anche i più piccoli paesini, ci si potrà spostare solo per ragioni di effettiva emergenza. Sono rigorosamente vietati gli assembramenti in luogo pubblico e i locali (bar e ristoranti) devono chiudere dopo le 18.

Purtroppo c’è chi ancora non comprende la gravità dell’emergenza sanitaria che il nostro Paese sta vivendo. A San Severo, ieri, tutto sembrava muoversi nella norma dopo le 18, come se il decreto del 9 marzo 2020 non fosse mai stato firmato.

“Ieri sera notizie di bar aperti dopo le 18, gente in auto che girava non capisco alla ricerca di che, ominidi che per sentirsi grandi uomini imprecavano alla Polizia Locale, maledicevano Sindaco, Governo e non so chi altro”.

Questo il messaggio diffuso sui social dal primo cittadino di San Severo, Francesco Miglio dopo le numerose segnalazioni della incresciosa situazione in cui versava ieri sera la sua città.

“Ma è tanto difficile comprendere la gravità del momento? È tanto complicato comprendere che se vi sarà un contagio diffuso non si sa sarà in grado di curare tutti?

Ai cittadini con sale in zucca dico di stare a casa, agli esercenti irresponsabili che non rispettano le regole dico che noi da loro a consumare non ci andremo ne ora, che siamo in emergenza, ne mai più”, aggiunge il sindaco.

E conclude: “Stando aperti, dimostreranno che per loro dieci euro in tasca in più valgono di più della salute del prossimo.

E noi li disprezziamo, li teniamo a distanza e per ora li sanzioniamo”.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock