Clementino chiede giustizia per Donato, il ragazzo massacrato di botte a “Le Stelle”

"Donato, vittima della violenza e della prepotenza dell'uomo"

Foggia Reporter

Un anno fa, Donato Monopoli, un ragazzo di Cerignola, è stato massacrato di botte nel noto locale di Foggia “Le Stelle“. Il caso di Donato ha scioccato tutti e ha coinvolto la cronaca nazionale. Oggi anche il rapper Clementino chiede giustizia per il ragazzo.

Il giovane cerignolano, il 6 ottobre di un anno fa, esce da casa per trascorrere un sabato sera come tanti altri. Ma non vi farà più ritorno. Quella che doveva essere una serata serena e spensierata terminerà nel peggiore dei modi.

Per la morte del ragazzo cerignolano sono implicati due foggiani,di 24 e 25 anni, accusati di omicidio aggravato per aver pestato a morte il giovane cerignolano.

I famigliari della vittima, hanno creato una pagina social “Giustizia per Donato” e, nei giorni scorsi, hanno ricordato con toccanti parole il ragazzo.

Ecco cosa ha scritto la madre: “Non può essere finita così, non puoi essertene andato via per sempre e non puoi avermi lasciata senza pensare di aspettarmi coi tuoi amici angeli. Caro figlio mio, anche ora che non sei più qui sei la mia unica ragione di vita: non devo piangere, non devo abbattermi, devo pensare che tutto andrà bene perché è solo così che guardandomi tu potrai essere fiero e orgoglioso della mamma che ti ha cresciuto.

Non posso che pensarti questa notte, penso a quel vuoto incolmabile che hai lasciato in me, alla tue mani ruvide.E stasera guardando il cielo cercherò una stella..cercherò un volto… che mi sorride. E già passato un anno dal quel brutto giorno e sento ancora il calore della tua mano”.

Donato se n’è andato dopo mesi di sofferenze e agonia, mesi e mesi di coma. Il noto rapper campano, sulla propria pagina Instagram, ha invitato tutti a seguire la pagina Facebook in ricordo di Donato.

“Un ragazzo che non ce l’ha fatta. Vittima della violenza e della prepotenza dell’uomo. Vi chiedo di seguire la pagina “Giustizia per Donato”, queste le parole di Clementino.

Ha proprio ragione Clementino, Donato è stato vittima di un atto indescrivile. Nei locali bisognerebbe divertisti non arrivare a togliere la vita ad un giovane ragazzo di soli 26 anni.

Ecco il link alla pagina Facebook “Giustizia per Donato”: LINK