Crediti Foto: Italiavirtualtour.it

Castello Maresca, il maniero fiabesco di Serracapriola che incanta tutti

Serracapriola e il suo castello delle favole

Foggia Reporter

Serracapriola – Il piccolo e caratteristico comune di Serracapriola, che fa parte del Parco Nazionale del Gargano ed è situato al confine tra Puglia e Molise, è caratterizzato dalla presenza di un meraviglioso e fiabesco castello baronale, il Castello Maresca.

Chiudiamo gli occhi per un momento e immaginiamo di trovarci nella bellissima cornice della provincia di Foggia, tra campi di grano e distese verdi, al tempo di dame e cavalieri, tra storie e leggende, duelli e amori impossibili. A Serracapriola il tempo sembra essersi fermato e se si ammira il suo bellissimo castello, costruito in piena dominazione federiciana, sognare diventa ancora più semplice.

Il castello di Serracapriola rappresenta la costruzione più antica del paese, le prime notizie su questa splendida costruzione risalgono ad un documento del 1045, quando il longobardo Tesselgardo, conte di Larino, donava al monastero di Tremiti la città di Gaudia o Civita a Mare.

Originariamente del castello che vediamo oggi esisteva solamente una torre, parte delle fortificazioni sul Fortore, come le tante torri difensive che nel corso del ‘500 sorgevano nel nostro territorio per contrastare le possibili invasioni.

Il castello di Serracapriola nel 1453 fu dato al Gran Siniscalco Innico Guevara. La fortezza fu anche la prima sede della Dogana delle pecore, spostata prima a Lucera e poi a Foggia. Il feudo passò poi alla famiglia Di Capua, ai Gonzaga, ai D’Avalos e infine ai Maresca che acquistarono il feudo di Chieuti e Serracapriola nel 1742.

Nel corso dei secoli sono state apportate numerose modifiche alla struttura originaria del maniero, dovute soprattutto alle riparazioni effettuate a seguito del terremoto del 1627 che interessò tutto il nord della Capitanata.

Da essere una struttura fortificata e difensiva, il castello di Serracapriola divenne il centro di un’importante corte, tanti i saloni in cui venivano organizzate feste e balli, il più bello e importante era sicuramente la cosiddetta Sala del trono.

All’interno del cortile c’è ancora oggi una profonda voragine, quello che nella tradizione popolare era soprannominato il “trabocchetto”, si tratta di una profonda apertura mai esplorata e misteriosa. La leggenda narra che la profonda voragine fosse un ingegnoso meccanismo messo in atto dai padroni del castello per le esecuzioni capitali: tramite una ruota dentata in continuo movimento venivano triturate le ossa di chi vi cadeva dentro.

Crediti Foto:
Italiavirtualtour.it

Il castello è tuttora di proprietà della famiglia Maresca di Serracapriola che dal 2011 ha intrapreso grandi lavori di restauro. Avete voglia di sognare e di fare un tuffo indietro nel tempo? Questa volta non dovete chiudere gli occhi ma prendere carta e penna e segnare questo evento: ‘A Pasqua si visita il castello Maresca di Serracapriola‘.

Durante le feste di Pasqua sarà finalmente possibile visitare il favoloso Castello Maresca. Il costo della visita guidata è di 10,00 euro a persona sia per gli per adulti che per i bambini. Le visite saranno tenute direttamente dal dott. Antonino Maresca. La durata della visita è di un’ ora e un quarto.

Orari:
Sabato 20 aprile: 16:30
Pasqua: 10:00 e 16:30
Pasquetta: 10:00 e 16:30

Per maggiori informazioni sull’evento: ‘A Pasqua si visita il castello Maresca di Serracapriola

Fonte: https://castlesintheworld.wordpress.com