Attualità

Buone notizie per Vito: il sanseverese affetto da un tumore raro e molto aggressivo

Lo scorso mese il sanseverese Vito d’Argento è partito per il Friuli per vincere la sua battaglia più grande, quella contro il cancro.

Vito ha lasciato San Severo per raggiungere l’ospedale Vittorio Veneto, in Friuli Venezia Giulia, dove il rinomato medico prof. Rizzotto lo ha visitato.

Vito d’Argento è stato sottoposto finora a ben tre interventi chirurgici, il suo è un tumore molto aggressivo: si tratta du un carcinoma squamocellulare sotto mandibolare e alla laringe.

Vito ha una moglie e due bambini, e proprio la compagna Livia ha aggiornato tutti sulle condizioni di salute ddel marito.

“Amici miei cari,Vito ha superato l’intervento, l’ho appena visto nella sala risveglio, ci aspetta ancora un lungo percorso per arrivare al traguardo ma con il vostro aiuto, dei familiari e delle vostre preghiere troveremo la forza per affrontare tutto”, scrive la moglie di Vito.

E aggiunge: “Sono molto stanca, quanto prima darò voi altre notizie, statemi sempre vicino, ho bisogno di grinta per affrontare tutto”.

Ecco invece un messaggio di Vito, condiviso dalla moglie sul suo profilo Facebook, in cui l’uomo si rivolge a tutte le persone che si sono preoccupate per lui in queste settimane difficili.

“Volevo personalmente lasciare un messaggio per ringraziare quanti di voi mi hanno permesso di arrivare fino a questo punto perché senza tutto l’amore e l’aiuto che ho ricevuto forse non sarei riuscito a sopportare tutto il dolore e la fatica e anche grazie al vostro sostegno oggi mi sentirò un po’ più forte per affrontare l’ennesimo intervento che non vi nascondo mi fa un po’ paura.

Per questo mi piacerebbe ringraziarvi uno per uno , per ogni messaggio, ogni pensiero, ogni preghiera che mi avete rivolto che mi hanno fatto sentire meno solo e a non perdere mai la speranza.

La speranza che non ha nemmeno mai abbandonato mia moglie Livia che desidero ringraziare con tutto il mio cuore per aver lottato insieme a me, grazie per aver sopportato con me il peso di questa maledetta malattia che però ci ha unito di più e ha reso più forti i nostri cuori insieme a quelli dei nostri bellissimi figli Adriana e Angelo.

Mi hai sempre detto che ho un coraggio da leone e che ho una forza incredibile, ma ora posso dirti che sei tu la vera combattente, sei stato il mio scudo sempre e io lo sarò per te, qualunque cosa accada.

Un grazie infinito alla mia famiglia, ai miei genitori,a mia suocera e ai miei fratelli e ai miei familiari, la cui vicinanza non mi ha permesso mai di mollare .Grazie all’amore e alla dedizione di mio padre Angelo e mia mamma Adriana senza i quali non sarei quello che sono oggi.

Grazie per essermi stati sempre accanto, per tutti i sacrifici che vi ho visto fare, grazie per aver aiutato mia moglie e i miei figli in questi mesi, grazie per non avermi mai fatto pesare la sofferenza che vi ho causato mio malgrado. Grazie per il coraggio che mi avete infuso, la dignità con cui avete affrontato ogni difficoltà senza mai perdervi d’animo. So che grazie a voi, non dovrò preoccuparmi di niente, come mi avete sempre detto e so che sarà cosi.

Grazie alle strutture ospedaliere che mi hanno ricevuto e ai medici e agli infermieri che ho conosciuto e a tutte quelle belle persone che passavano a salutarmi e a chiedermi come stessi anche se non ci conoscevamo.

La vita è bella anche per questo e per tutte le manifestazioni d’affetto che ho ricevuto, dai miei colleghi commercianti che vorrei rivedere un giorno tra le bancarelle, dagli amici, dai familiari che si sono messi a disposizione per aiutarmi in questo percorso e che mi hanno aperto il cuore e vi sarò sempre riconoscente.

Grazie a tutta la città di San Severo per avermi fatto sentire parte di una grande famiglia e alle Istituzioni che hanno sposato la mia causa. Nella speranza di poter tornare presto tra voi, vi stringo a me forte. Grazie a tutti. Non mollate mai”.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock