Attualità

Bonus per bici e monopattini elettrici: ne parliamo con Daniela Rinaldi di Ride Mobility

Dopo il Decreto Rilancio, non si fa altro che parlare di incentivi per le bici, i monopattini e la micromobilità elettrica. Tante le domande e i dubbi sull’ottenimento del bonus.

Per chiarirci un po’ le idee abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Daniela Rinaldi, giovane imprenditrice a capo dell’innovativa e green start up Ride Mobility di Manfredonia.

Si tratta di una giovane azienda italiana specializzata nel campo della mobilità elettrica: vendita, noleggio e assistenza post-vendita di monopattini elettrici.

Daniela guida un progetto di mobilità sostenibile che vede come protagonista indiscusso proprio il monopattino elettrico, mezzo molto richiesto e di gran moda nell’ultimo periodo.

Chi meglio di lei può aiutarci a capire cosa fare per richidere in modo veloce e semplice il bonus di cui tanto si sta parlando.

Ricordiamo che presto saranno disponibili 500 euro per bici e monopattini elettrici che andranno a rafforzare gli ecobonus e sismabonus nel nuovo Decreto Rilancio, uno strumento importantissimo poichè stanzia 155 miliardi per far ripartire l’economia italiana, aiutando famiglie e imprese del nostro Paese.

L’obiettivo dei nuovi bonus è, come chiarito dal Consiglio dei ministri, quello di incentivare forme di mobilità sostenibile alternative al trasporto pubblico locale che possano garantire, quindi, il diritto alla mobilità delle persone.

Bonus per bici e monopattini elettrici, di cosa stiamo parlando?

Sono stati stanziati circa 20 milioni di euro per il bonus mobilità, soldi che riusciranno a coprire circa 40-50mila richieste. Ovviamente in base alla richiesta del mezzo cambierà l’importo erogato.

Il bonus mobilità consiste in un rimborso post vendita del 60% del costo totale, ma come dicevo purtroppo non tutti potranno usufruirne considerato il limite dei fondi.

Noi ci stiamo organizzando in un modo ben preciso in vista della pubblicazione del link sul portale del Ministero dell’Ambiente.

In che modo?

Le richieste verranno gestite direttamente attraverso una piattaforma online sul sito del Ministero dell’Ambiente.

Per quanto riguarda la nostra azienda, tutte le vendite vengono gestite tramite un nostro portale e-commerce, abbiamo un nostro sito www.ridemobility.it, nel quale dirottiamo tutti gli ordini ricevuti.

Quando nel portale del Ministero dell’Ambiente la richiesta di bonus verrà pubblicata, ad oggi non è stata ancora pubblicata, attraverso un’apposita applicazione web, le richieste verranno evase in ordine cronologico. Questo significa che opereremo fino ad esaurimento fondi.

Ad oggi la cosa migliore da fare è ordinare e acquistare il prima possibile il mezzo e farsi recapitare la fattura. Così, quando verrà pubblicato il link per scaricare l’apposita app sul portale del Ministero (entro una quarantina di giorni), sarà immediata la richiesta di bonus.

Per usufruire del bonus è necessario richiedere la fattura indicando generalità utente e codice fiscale.

Ricordiamo, infatti, che in una prima fase (nell’attesa che venga emanato il decreto attuativo) il cittadino potrà acquistare il proprio mezzo, anticipare la spesa e chiedere il rimborso sul sito del ministero.

In una seconda fase, invece, sarà direttamente il commerciante ad applicare lo sconto al cliente che non dovrà anticipare la somma ma comprare il mezzo con il bonus già applicato.

Cosa serve per richiedere il bonus?

Per la richiesta del bonus è necessario avere uno SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), ovvero delle credenziali autenticate. Lo SPID può essere fatto in un Ufficio Postale o presso qualsiasi sito online di creazione di autentificazione.

Inoltre, ricordiamo che ci sono alcune caratteristiche da rispettare per usufruire del bonus mobilità: potranno usufruirne i maggiorenni che hanno la residenza (e non domicilio) nei capoluoghi di regione (anche sotto i 50mila abitanti), nei capoluoghi di provincia (anche sotto i 50mila abitanti).

E ancora chi ha la residenza nei Comuni con popolazione superiore a 50mila abitanti e nei comuni delle Città metropolitane (anche al di sotto dei 50mila abitanti).

Parliamo di un requisito che taglia fuori molti comuni della provincia di Foggia

Purtroppo molti abitanti della provincia di Foggia non potranno accedere al bonus, questo è un altro limite. Per una questione di fondi limitati non hanno aderito molti comuni della Capitanata.

L’obiettivo è quello di ridurre il traffico soprattutto nelle città un po’ più caotiche e per questo i piccoli centri sono stati tagliati fuori dal bonus.

Con la Fase 2 siamo tornati a parlare di mobilità sostenibile. Quanto è importante puntare alla mobilità alternativa a basso impatto ambientale in questo momento?

Ad oggi, per quanto riguarda soprattutto le tematiche legate al Coronavirus, è molto rilevante parlare di mobilità sostenibile e alternativa.

Al momento i mezzi pubblici non sono sicuri e di conseguenza è necessario munirsi, attraverso l’acquisto o il noleggio, di mezzi singoli alternativi che riescano a permettere gli spostamenti in tempi brevi e in sicurezza.

Anche i Comuni, sicuramente, si adopereranno affinchè questo servizio venga reso come servizio pubblico ai cittadini. Dobbiamo approfittare tutti di questa opportunità che gioca a favore dell’ambiente e della nostra salute.

Richiedere il bonus, per alcuni, potrebbe non essere facilissimo, soprattutto per chi non “mastica” molto la tecnologia

Non è un problema. Ride Mobolity oltre al servizio di vendita è a disposizione anche per un servizio di assistenza e manutenzione dei monopattini elettrici.

Offriamo dei servizi di supporto per la richiesta del bonus. Chi riscontra problemi con la richiesta può contattarci tramite la nostra pagina Facebook o il nostro sito web. Offriremo, gratuitamente, tutte le informazioni di cui hanno bisogno.

Si potranno acquistare diversi tipi di monopattini elettrici?

Sì, si potranno acquistare tutti i monopattini e bici elettriche disponibili. Saranno disponibili tutti i mezzi sostenibili e green. All’interno del nostro portale web ci sono varie tipologie di monopattini che cambiano in base alla durata della batteria, quindi all’autonomia e alla velocità.

Inoltre disponiamo anche di diverse bici elettriche per chi ama la bici classica e la pedalata.

Secondo lei questo bonus sarà sfruttato maggiormente per le bici o per i monopattini elettrici?

Sicuramente sarà sfruttato maggiormente per i monopattini elettrici. Il mezzo alternativo che ad oggi è più di moda è il monopattino elettrico, se ci saranno delle vendite di biciclette saranno molto mirate e riguarderanno principalmente gli appassionati.

Il target ai quali si rivolge questo bonus è essenzialmente un target giovane e quindi credo che il monopattino elettrico sarà il mezzo più richiesto.

In piena emergenza sanitaria l’azienda guidata da Daniele Rinaldi ha contribuito all’operato della Croce Rossa sul territorio foggiano mettendo a disposizione alcuni dei loro monopattini.

Grazie ad un mezzo veloce e soprattutto green, i volontari della Croce Rossa hanno effettuato le consegne di beni alimentare e medicine per i più bisognosi.

monopattini elettrici crocerossa fg

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock