Home»Cultura e territorio»Pasqua in Capitanata, un week end alla scoperta della Puglia

Pasqua in Capitanata, un week end alla scoperta della Puglia

“Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi..” e dove vuoi, soprattutto in Puglia tra le valli e le colline della Daunia! Il week end più brioso dell’anno è ormai alle porte, il momento migliore per aprire la stagione dei viaggi senza allontanarsi molto da casa.

Per scoprire la Puglia e il territorio della provincia di Foggia, le gite di Pasqua si rivelano una grande opportunità per scegliere destinazioni culturali, naturalistiche ed enogastronomiche. Di mete ve ne sono molte e come più si desiderano! Nulla di meglio per soffermarsi tra un bosco ed un’area pic nic per ammirare lo spettacolo del nostro territorio tra una due calci al pallone, qualche paccanjll alla brace e due dolci scarcelle.

Ma la bellezza di questa terra si sprigiona già nei giorni che precedono la Pasqua, tra il giovedì e il venerdì santo condividendo il pathos della processione durante la settimana Santa. Uno scenario teatrale della Passio Christi an plain air che prende vita nei suggestivi vicoli del centro storico di Foggia, Troia, Vico del Gargano, Bovino, Manfredonia, Deliceto con il sottofondo di marce funebri e cori polifonici. Un viaggio indietro nel tempo in luoghi che in fondo hanno vissuto in pieno l’eco delle contaminazioni orientali. Paesi e città che spiccano oggi come roccaforti medievali sulla vastità della campagna pugliese dove sul manto delle prime spighe di grano spiccano monumentali ulivi secolari, non a caso emblema della Santa Pasqua.

Percorrendo la valle dell’alto Tavoliere delle Puglie si è in compagnia della sola natura bucolica della Puglia del Nord fino al Parco Nazionale del Gargano. Una promontorio multisfaccetato che spicca sul Mare Adriatico con scogliere calcarose e magiche calette sovrastate da pinete selvagge esempio di macchia mediterranea tra agrumeti ed orchidee variopinte. Un’oasi sempre verde se si pensa alla Foresta Umbra (inteso come “ombra” per il refrigerio garantito dagli altissimi faggi) in cui, oltre ad accoglienti aree di sosta, si possono ammirare uccelli di ogni specie, daini e cinghiali.

Di Monti Dauni al mare, la Pasqua in Capitanata offre un’atmosfera antica che sa di sacro e profano insieme. Costumi e cucina sono un’accoppiata vincente, coinvolgono gli ospiti in un clima genuino e tradizionale all’interno di agriturismi ed alberghi diffusi (Clicca qui per prenotare la tua struttura).Ogni cittadina, paese e borgo conserva gelosamente le il proprio credo folcloristico attraverso un estro evocativo che coinvolge spettatori per ogni dove per vivere un’esperienza unica degna di essere rivissuta.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Quartiere Cattedrale: viaggio tra monumenti storici, eleganti palazzi e storie di fantasmi

Articolo successivo

Primo tempo, Foggia-Pro Vercelli 2-1