Attualità

Vaccini anti-Covid, in Puglia dal 1 dicembre terza dose per gli over 18

Puglia – “La Regione Puglia sta aggiornando le indicazioni operative della campagna vaccinale anticovid, in linea con quanto stabilito a livello nazionale. In particolare la somministrazione della terza dose di vaccino anticovid alla popolazione dai 18 anni in su sarà possibile in Puglia da mercoledì 1 dicembre”.

Lo comunica il direttore del Dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro. “Inoltre – dichiara – per quanto riguarda il tracciamento, in Puglia si prosegue con l’attività di sequenziamento del genoma virale per l’eventuale isolamento di varianti”.

Sono 95.0317 le somministrazioni effettuate in provincia di Foggia dall’avvio della campagna vaccinale anti-Covid. Ha ricevuto almeno una dose di vaccino l’88,4% delle persone di età superiore a 12 anni; ha ricevuto la seconda dose il 78,7% degli over 12.

Cresce anche il dato delle terze dosi somministrate: attualmente hanno ricevuto la dose di richiamo 47.548 persone di cui 10.499 operatori sanitari, 1.429 operatori scolastici, 798 ospiti di strutture sanitarie e socio-sanitarie residenziali e semiresidenziali, 130 rappresentanti forze dell’ordine.

Weekend di vaccinazioni anti-Covid in Puglia dedicato ai pazienti fragili e caregiver

“La campagna per la terza dose ha preso il via in maniera straordinaria. Voglio ringraziare tutti i pugliesi che si stanno vaccinando in massa. È fondamentale la terza dose per completare la copertura. Questo significa mettersi in sicurezza rispetto alla quarta ondata che è cominciata in Europa, anche in Italia, e che evidentemente man mano arriverà anche da noi. Bisognerà contenere tramite la terza dose gli effetti ospedalieri e anche limitare le occasioni di contagio perché, se è vero che la vaccinazione non protegge totalmente dal contagio, diminuisce talmente tanto la carica virale da rendere più difficile il passaggio ad altre persone del virus.

Oggi il Policlinico di Bari assieme alla rete oncologica e a tutti gli altri centri di riferimento dei fragili, ha aperto più di 40 punti di vaccinazione, stiamo chiamando attivamente le persone in modo tale che si presentino e si ricordino di fare la terza dose”.

Il Presidente Emiliano, che sabato mattina al Policlinico di Bari ha effettuato la somministrazione della terza dose di vaccino anticovid e contestualmente il vaccino antinfluenzale, ha detto che tra pochi giorni le vaccinazioni in Puglia proseguiranno solo su prenotazione. Rispondendo ai giornalisti sulla minaccia delle nuove varianti del virus, ha ricordato che “la Puglia ha un sistema di sequenziamento dei virus tra i migliori d’Italia, grazie alla collaborazione tra il Policlinico di Bari con il laboratorio della professoressa Chironna e l’Istituto Zooprofilattico di Puglia e Basilicata”.

Tra i punti di forza messi a punto a livello regionale per Emiliano c’è “il reparto Covid della Fiera del Levante, fondamentale anche in questa fase perché non solo possiamo fronteggiare qualunque emergenza, ma possiamo farlo senza sospendere l’attività ordinaria. Un centro di maxi emergenza a disposizione non solo della Puglia, ma dell’Italia, come abbiamo definito col Generale Figliuolo”.

“Si continua nel percorso di accelerazione che è già cominciato una decina di giorni fa, in concomitanza con l’incremento del numero di coloro che hanno diritto a richiedere la terza vaccinazione. Gli hub attivi sono un centinaio, stiamo cercando di portare ognuno al massimo regime di produttività includendo i sabato e le domeniche. La Puglia non è indietro nella somministrazione delle terze dosi, semplicemente è in questi giorni che matura il diritto un numero rilevante di cittadini pugliesi, poiché a marzo-aprile hanno iniziato in gran quantità gruppi target che, inizialmente, nella fase di somministrazione della terza dose non erano inclusi come gli operatori scolastici e le forze dell’ordine.

Sta aumentano in modo significativo il numero delle somministrazioni di prime dosi e questo trend è iniziato dal giorno dopo la pubblicazione del decreto sul green pass che è stato uno degli elementi che, anche se in modo forzoso, ha convinto molti cittadini a iniziare il percorso vaccinale. Quanto i medici di medicina generale, due province hanno iniziato già qualche giorno fa con risultati molto rilevanti con somministrazioni a domicilio e in studio.

Sono state consegnate quasi 100mila dosi, in questi giorni i medici di medicina generale, compatibilmente con la loro organizzazione di studio e come programmato, inizieranno a dare questo contributo al raggiungimento dei target quotidiani che ci siamo prefissati” dichiara il direttore del Dipartimento di Promozione della Salute della Regione Puglia, Vito Montanaro.

 

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock