Home»Storie di successo»ALMA: tra i neodiplomati della scuola di cucina, due foggiani

ALMA: tra i neodiplomati della scuola di cucina, due foggiani

ALMA,  la Scuola Internazionale di Cucina Italiana, fondata nel 2004 da Gualtiero Marchesi sforna talenti

ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana, fondata nel 2004 da Gualtiero Marchesi sforna talenti

Grandi e numerosi, sono i talenti usciti fuori dalla Scuola Internazionale di Cucina Italiana. E, tra quelli di quest’anno, anche due ragazzi della provincia di Foggia: si tratta di Giuseppe Pio Basile, 26 anni, di Carpino, e Simona Mancino, 20 anni, di San Severo; i due ragazzi si sono diplomati Cuoco Professionista, insieme ad altri 60 studenti provenienti da tutta Italia.

È Valentina Perani, 29 anni, di Morazzone (Varese), il miglior studente della XXXIX edizione del Corso Superiore di Cucina Italiana, che ha visto diplomarsi complessivamente 62 allievi, provenienti da tutta Italia. Un passato da studentessa universitaria di Economia, la Perani, prima di accedere al Corso Superiore di Cucina, ha frequentato il propedeutico Corso Tecniche di Base. Ora lavora al Ristorante una stella Michelin “Guido da Costigliole”, a Santo Stefano Belbo, nel Cuneese, al servizio dello chef Luca Zecchin: qui la Perani ho svolto i suoi cinque mesi di tirocinio formativo.

Alma Scuola Cucina
Alma Scuola Cucina

Rosee sono le prospettive lavorative anche per i compagni di corso della Perani. Già dopo i primi sei mesi dal conseguimento del diploma infatti lo stato occupazionale degli allievi ALMA è del 90%.

A conferma dell’autorevolezza di ALMA, gli esami finali del Corso hanno visto mobilitarsi, oltre ai docenti interni, coordinati dal Direttore Didattico chef Matteo Berti, ben 42 visiting chef, che rappresentano la migliore espressione della Cucina Italiana d’autore. Tra loro, chef stellati come Riccardo Monco, Executive Chef alla tristellata “Enoteca Pinchiorri”; Antonella Ricci, Ristorante “Al Fornello da Ricci”; Matteo Baronetto, Ristorante “Del Cambio”; Terry Giacomello, Ristorante “Inkiostro”; Luciano Zazzeri, Ristorante “La Pineta”; Giuseppe Tinari, Ristorante “Villa Maiella”; Karl Baumgartner, Ristorante “Schöneck”. Presenti in giuria anche cuochi con un passato da studenti ALMA: è il caso di Nikita Sergeev, Ristorante “L’Arcade”; Lorenzo Stefanini, Ristorante “Il Giglio”; Luca Natalini, Ristorante “Taverna del Castello”.

Tra i 62 diplomati della XXXIX edizione del Corso Superiore di Cucina Italiana, una segnalazione merita anche Marco Gregori, 34 anni, di Istrana (Treviso): suo è il miglior progetto di tesi.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Tra stelle e bollicine a Poggio di Poggio di Luna

Articolo successivo

Grandi disagi sulla tratta ferroviaria Termoli-Foggia