Home»Sport»E’ un Foggia insaziabile. Poker a Venezia e Supercoppa in bacheca

E’ un Foggia insaziabile. Poker a Venezia e Supercoppa in bacheca

Il Foggia vince la Supercoppa di Lega Pro 2016/2017

Dopo il campionato, il Foggia si aggiudica anche la Supercoppa di Lega Pro suggellando una stagione straordinaria che resterà nella storia. I ragazzi di Stroppa espugnano il Penzo di Venezia per 4-2 grazie alle reti di Deli (doppietta), Vacca e Mazzeo, a coronamento di una cavalcata trionfale. Annichiliti i lagunari di Inzaghi, sovrastati sul piano del gioco e in partita solo grazie a qualche disattenzione della retroguardia rossonera sui calci piazzati. E’ la ciliegina sulla torta di una stagione memorabile.

Stroppa schiera la migliore formazione possibile. Davanti a Guarna, quartetto composto da Loiacono, Coletti, Martinelli e Rubin. A centrocampo Deli, Vacca e Agazzi, tridente offensivo composto da Mazzeo, Sainz Maza e Sarno. Il Foggia prende subito in mano le redini del gioco ma nei primi quindici minuti soffre le ripartenze dei lagunari. Prima Falzerano poi Marsura scaldano i guanti di Guarna nel giro di due minuti. Al 14′ miracolo del portiere rossonero su conclusione ravvicinata di Moreo. Nel miglior momento dei padroni di casa arriva il vantaggio del Foggia grazie a Deli che al 18′ scarica un destro potente dal limite dell’area che batte un Vicario non immune da colpe. Il vantaggio esalta i satanelli che sfiorano il 2-0 con un tiro di Maza ben respinto dal portiere di casa. Il raddoppio al 28′ è un gioiello firmato Antonio Vacca: il centrocampista napoletano da fuori area gonfia al rete con un bolide questa volta imparabile per Vicario. Al 34′ piccola disattenzione della retroguardia rossonera: calcio d’angolo di Bentivoglio e testa di Geijo con la palla che si insacca sotto l´incrocio. Passano sei minuti e il Foggia concede il tris. Non poteva mancare la firma di Mazzeo che si avventa come un falco su un traversone basso dalla destra di Loiacono e trafigge ancora Vicario da due passi. Il primo tempo si conclude sul 3-1 per gli uomini di Stroppa.

Inizia la ripresa con il Venezia subito in rete. Al 47′ ancora una indecisione della difesa rossonera sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Domizzi di testa batte Guarna e riapre la partita. Si alzano i ritmi della gara con gli uomini di Inzaghi che premono alla ricerca del pareggio. Al 62′ prima sostituzione operata da Stroppa con il cambio annunciato di Di Piazza in luogo di Maza. Poco dopo fa il suo ingresso in campo Gerbo per Loiacono. Al 70′ grande occasione per il Foggia di archiviare la pratica, ma Sarno ingenuamente disturba Deli che era pronto a battere a rete e vanifica il tutto essendo in posizione irregolare. Un minuto dopo lo stesso Sarno abbandona il campo per far posto a Figliomeni. Al 72′ il Venezia sfiora il pareggio con un bel destro dalla distanza di Fabiano che termina di poco alto. Non soffre particolarmente il Foggia in questa fase, anzi trova anche la quarte rete con Deli, ma l’arbitro Ramaldi annulla per dubbio fuorigioco. Ma le speranze dei lagunari svaniscono definitivamente al 77′ con l’espulsione di Geijo per un fallo su Figliomeni a palla lontana, e i satanelli trovano il poker all’80’ ancora con uno scatenato Deli che non deve far altro che appoggiare in rete sull’assist del solito Mazzeo. E’ il punto esclamativo sulla gara. Il Foggia solleva al cielo la Supercoppa.

Il Foggia vince la Supercoppa di Lega Pro 2016/2017

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

1 Commenti

  1. giuseppe
    28 maggio 2017 a 9:32 —

    Si pensi ora a puntellare bene la difesa.
    Inoltre si provveda a far assistere Vacca da qualcuno che lo faccia diventare adulto.
    Infine necessita un preparatore ad hoc per Di Grazia ( si chiama così il numero 9 ) per insegnarli i fondamentali, se il Foggia intende confermarlo per la serie B.
    Parola di foggiano doc, lontano da quarant’anni dal luogo natio

Lascia un commento

Articolo precedente

La rinascita della stampa libera in Puglia. 1943 – 1945

Articolo successivo

Stroppa: "Non è facile dopo un campionato vinto mantenere questa determinazione"