Home»Sport»Stroppa: “La Vibonese giocherà la gara della vita. Deli e Di Piazza in panchina”

Stroppa: “La Vibonese giocherà la gara della vita. Deli e Di Piazza in panchina”

Le dichiarazioni in conferenza stampa dell'allenatore rossonero alla vigilia di Vibonese-Foggia

Conferenza stampa di Giovanni Stroppa alla vigilia di Vibonese-Foggia. Ecco le parole del mister rossonero:

” Sarà una partita difficile, la Vibonese giocherà la partita della vita ma è una gara alla nostra portata. Hanno appena cambiato l’allenatore, che in due settimane ha potuto lavorare in un certo modo. Ci saranno riferimenti diversi, in campo vedremo e ci adatteremo in base a questo. La reputo una partita simile a quella di Melfi. Dovremo essere bravi ad adattarci e a interpretarla nel modo giusto dal punto di vista mentale. Per quanto riguarda la formazione c’è la possibilità di poter schierare o Sicurella o Gerbo come terzino destro. Di Piazza sarà in panchina, avere un giocatore come lui in panchina sarà un valore aggiunto. E’ un po’ indietro di condizione, però ha già mostrato delle delle qualità importanti. La stessa cosa vale per Deli che ha qualche acciacco”

“Questa pausa ci ha dato la possibilità di lavorare sotto alcuni aspetti per poter mettere più forza e qualità nelle gambe. Sono soddisfatto fin qui del mercato, anche se manca ancora qualcosa. Ma non voglio dilungarmi a parlare di questo, ci sono ancora dieci giorni in cui si avrà tempo per completare il lavoro. Pensiamo solo alla partita di domani, anche perchè è da tre settimane che non giochiamo.  C´è la curiosità di rivedere la squadra che, seppure in emergenza, negli ultimi tempi prima della sosta stava giocando a memoria. Mi piacerebbe rivederli giocare così anche alla ripresa.”

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Mo'l'estate Spirit sabato dà il via alla sua XXIV edizione

Articolo successivo

San Nicandro Garganico ricorda Raffaele Mascolo