Home»Sport»Palermo-Foggia, i precedenti al Barbera

Palermo-Foggia, i precedenti al Barbera

I precedenti vedono favoriti i siciliani: 10 vittorie contro le 9 dei rossoneri e 18 pareggi. L’ultima vittoria del Palermo contro il Foggia di fronte al proprio pubblico in un campionato di Serie B risale però al lontano 31 ottobre 1982

Grande attesa per il posticipo della 25esima giornata di Serie B che vedrà in campo questa sera al “Renzo Barbera” Palermo e Foggia (calcio d’inizio ore 20.30). I padroni di casa vogliono ritornare in vetta per raggiungere Empoli e Frosinone a quota 46, mentre il Foggia vuole dare continuità alle due vittorie consecutive contro Entella e Avellino per allontanarsi dalla “zona rossa” della classifica.

I precedenti:

I precedenti vedono favoriti i siciliani: 10 vittorie contro le 9 dei rossoneri e 18 pareggi. L’ultima vittoria del Palermo contro il Foggia di fronte al proprio pubblico in un campionato di Serie B risale però al lontano 31 ottobre 1982

Il 4 giugno 1989 le due squadre si giocano infatti l’accesso diretto alla Serie B. In quella gara, terminata con il risultato di 1-1, a segnare il gol decisivo per il Foggia sarà il palermitano Onofrio “Nuccio” Barone. Al Foggia quel pareggio basterà per ottenere la promozione.

Onofrio Barone

L’ultimo precedente in terra siciliana è del 6 aprile 1997: Palermo – Foggia 0 – 1. Ecco il tabellino:

PALERMO: Sicignano (27′ s.t. Amato); Lucenti, Ciardiello, Tasca, Assennato (33′ p.t. Saurini); Tedesco, Favi, Galeoto, Caterino; Vasari, Hoop (15′ s.t. Massara). Allenatore: Arcoleo

FOGGIA: Mancini; Di Bari, Englaro, Monaco, Tangorra; Zanchetta (13′ s.t. Chianese), Tedesco (33′ s.t. Moscardi), Brescia, Bettoni; Di Michele (23 s.t. Matrone ), Colacone. Allenatore Burgnich.

Marcatori: 12′ p.t. Colacone

All’andata, la partita terminò 1-1 con le reti di Nicastro e Muravski

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Carnevale di Manfredonia. Sold out per la gran parata dei carri

Articolo successivo

Palermo-Foggia, le probabili formazioni

Nessun commento

Lascia un commento