Home»Sport»Il Foggia si ferma sul più bello. Mazzeo riagguanta la Ternana. 2-2 al Liberati

Il Foggia si ferma sul più bello. Mazzeo riagguanta la Ternana. 2-2 al Liberati

Il Foggia ottiene un pareggio in extremis al "Liberati" di Terni nella settimana che porta all'attesissimo derby contro il Bari.

Il Foggia ottiene un pareggio in extremis al “Liberati” di Terni nella settimana che porta all’attesissimo derby contro il Bari. Le “fere” di De Canio avevano assaporato una vittoria importantissima in chiave salvezza, ma si sono dovute arrendere allo scatto d’orgoglio dei rossoneri, anche se questa sera non brillanti come nelle ultime due gare contro Cremonese ed Ascoli.

Le reti: vantaggio dei padroni di casa con Montalto al 45′, pareggio di Beretta al 50′, 2-1 di Carretta al 62′. Nel finale l’ingresso di Floriano ed il passaggio al 4-3-3 permettono al Foggia di raggiungere il pareggio, realizzato all’85’ da Mazzeo.

Piccola frenata per i rossoneri, che comunque possono preparare con serenità il big match di Sabato allo Zaccheria.

FORMAZIONI UFFICIALI

Stroppa deve rinunciare a Gerbo e Duhamel. Soltanto panchina per Deli. In attacco, turno di riposo per Nicastro. Al suo, posto rientra dal 1′ Beretta.

De Canio non può contare sui terzini Favalli e Vitiello, e torna alla difesa a tre. In avanti, il tecnico degli umbri schiera Montalto alle spalle di Carretta.

Ternana (3-5-1-1): Sala; Valjent, Gasparetto, Signorini; Defendi, Signori, Paolucci, Tremolada, Statella; Montalto; Carretta.
In panchina: Plizzari, Bleve, Angiulli, Varone, Piovaccari, Finotto, Ferretti, Repossi, Rigione, Zanon, Bordin.
Allenatore: Sig. Luigi De Canio

Foggia (3-5-2): Guarna; Tonucci, Camporese, Calabresi; Zambelli, Agnelli, Greco, Agazzi, Kragl; Mazzeo, Beretta.
In panchina: Noppert, Figliomeni, Loiacono, Fedato, Martinelli, Nicastro, Deli, Rubin, Floriano, Celli, Ramè, Scaglia.
Allenatore: Sig. Giovanni Stroppa.

PRIMO TEMPO

Dopo dieci minuti, Kragl scalda subito il sinistro per quella che è la prima occasione da rete della partita. Il mancino del tedesco, dai 25 metri, è respinto in calcio d’angolo da Sala. Cinque minuti dopo Kragl ci riprova con il destro trovando ancora Sala pronto a respingere. Il Foggia gestisce la manovra, ma rischia in contropiede. Prima ammonizione nelle fila del Foggia comminata a Calabresi. Al 38′ ripartenza dei padroni di casa e palo di Carretta a Guarna battuto. Passa un minuto e il solito Kragl impegna severamente Sala con un sinistro insidioso. Sul conseguente calcio d’angolo, colpo di testa di Camporese bloccato dall’estremo difensore umbro. Al 41′ Carretta chiede un calcio di rigore, ma viene giustamente punito ed ammonito dall’arbitro per simulazione.

Al 44′ sempre Kragl pericoloso non trova pronto Mazzeo all’appuntamento con il gol. Al 45′ la Ternana passa in vantaggio: altra ripartenza finalizzata da Carretta che evita Guarna in uscita e serve Montalto, che deve soltanto appoggiare la palla in rete. Si va al riposo sul punteggio di Ternana-Foggia 1-0.

SECONDO TEMPO

Cinque minuti dall’inizio della ripresa e il Foggia trova il pareggio: Beretta riceve da Mazzeo, dribbla un difensore e supera Sala con un destro potente e preciso. Gran gol e gioia ritrovata per l’attaccante rossonero, da tempo ai margini dell’undici titolare.

Ma al 62′, dopo un pallone perso da Agnelli a centrocampo, la Ternana si porta nuovamente in vantaggio. Rapido capovolgimento di fronte, Tremolada vede e serve Carretta che beffa Guarna in uscita con un preciso “lob”. E’ la rete del 2-1. Ingenui i rossoneri, padroni del campo ma spesso disattenti sulle ripartenze delle “fere”. Un minuto dopo Camporese si becca un cartellino giallo per atterramento ai danni dello scatenato Carretta. Stroppa corre ai ripari ed inserisce Deli per Agnelli. De Canio replica inserendo Piovaccari per Montalto.

Ancora cambi alla mezz’ora della ripresa. De Canio inserisce Varone per Signori, Stroppa getta nella mischia Nicastro per Beretta. Al 78′ anche Tonucci viene ammonito, per un fallo sul solito Carretta. Il Foggia soffre il contropiede dei padroni di casa. Due minuti dopo scocca anche l’ora di Floriano, che entra al posto di Zambelli.

Il 4-3-3 ridà nuova linfa al Foggia, che pareggia all’85’: proprio il neo entrato Floriano serve Mazzeo che con un sinistro preciso batte Sala. E’ la rete del 2-2. Ed è il che chiude la partita- Finisce in parità al Liberati.

 

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Lo street food? Il festival del cibo per conoscere il territorio

Articolo successivo

Manfredonia, reperti archeologici nella zona dove Energas vuole il deposito gpl

Nessun commento

Lascia un commento