Home»Sport»Foggia, non c’è la svolta: rossoneri fermati sull’1-1 dalla Ternana

Foggia, non c’è la svolta: rossoneri fermati sull’1-1 dalla Ternana

Termina 1-1 allo Zaccheria

Termina 1-1 allo Zaccheria tra Foggia e Ternana. Al vantaggio ospite realizzato da Tremolada dopo quattro minuti di gioco, ha risposto Beretta al 64′. Il Foggia ha saputo reagire in parte al primo tempo a tratti disastroso chiuso tra i fischi del pubblico. Nel secondo tempo è arrivata una risposta positiva anche se i rossoneri non sono riusciti a completare la rimonta. Da parte umbra, nonostante le sofferenze finali, un pareggio meritato.

PRIMO TEMPO-

Striscioni di protesta nelle Curve in merito alla decisione dell’Osservatorio di vietare la trasferta a Bari ai tifosi rossoneri. Avvio in salita per il Foggia. Passano appena quattro minuti e la Ternana è già in vantaggio: sinistro dai venticinque metri di Tremolada e palla che termina in rete con Guarna nella circostanza non esente da colpe. Il portiere rossonero “beccato” dal pubblico dopo l’indecisione mentre dalla tribuna i tifosi chiedono a Stroppa l’impiego del secondo portiere Pelizzoli. Il Foggia accusa il colpo e dagli spalti piovono i primi mugugni dopo la sequela di errori d’impostazione dei giocatori rossoneri. All’8′ Beretta ha sul sinistro il pallone del pareggio ma calcia alto da ottima posizione. Dopo 21 minuti piove sul bagnato: si blocca Mazzeo per una noia muscolare, al suo posto Fedato con Beretta che si posiziona da centravanti e l’ex Bari e Chiricò sugli esterni. Lo stesso Chiricò, in evidente giornata negativa, viene richiamato in panchina da Stroppa al 27′ per scelta tecnica. Al suo posto dentro Calderini e tridente offensivo completamente rivoluzionato. Il numero sette rossonero esce tra i fischi. La reazione del Foggia è tutta in un bel destro di Vacca da fuori area alto, mentre gli ospiti sfiorano il raddoppio in un paio di ripartenze non finalizzate a dovere da Carretta e Gasparetto. Al 37′ calcio di punizione di Coletti dai venti metri: bel destro a giro con la palla che termina di un soffio a lato della porta difesa da Bleve. Due minuti dopo altro calcio piazzato per un fallo su Beretta ma questa volta il destro di Coletti si infrange sulla barriera. L’ultima emozione un colpo di testa di Calderini su un traversone dalla sinistra di Loiacono che non impensierisce Bleve. Il primo tempo si conclude sul punteggio di Foggia 0 Ternana 1

SECONDO TEMPO-

Dopo appena tre minuti Stroppa è costretto ad esaurire i cambi. Si ferma Celli per infortunio. Assente Rubin in panchina, fa il suo ingresso in campo Empereur. Al 52′ Ternana vicina al raddoppio: traversone basso di Valjent che supera Coletti e mette al centro per Montalto che fallisce l’appuntamento del 2-0. Il Foggia continua a fare possesso palla senza però arrivare alla conclusione, ospiti ben messi in campo da Pochesci e sempre pericolosi in ripartenza. Il tridente offensivo dei rossoneri è troppo leggero e Beretta non riesce quasi mai a ricevere palloni giocabili. Al 62′ Guarna ci mette una pezza sul destro potente ma centrale di Finotto. Nel peggior momento arriva inaspettato il gol dell’1-1. Calcio d’angolo dalla destra di Vacca, spizzata a centro area di Agazzi sul secondo palo per Beretta che tutto solo appoggia in rete di testa da due passi: è il pareggio che scuote lo Zaccheria. Al 71′ ottima opportunità per il vivace Calderini. Stop di petto e conclusione di sinistro di poco alto. Preme il Foggia alla ricerca del gol del vantaggio, sostenuto anche dal pubblico rinvigorito dopo il pareggio. Ci prova anche Vacca con un destro al volo che si spegne alto. All’86’ l’ultima emozione della partita: Beretta va ancora in gol ma la rete è annullata per fuorigioco. Termina 1-1 nonostante il forcing finale e i sei minuti di recupero nel quale l’occasione più limpida è un destro al volo di Beretta su assist di Vacca.

 

 

 

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Medicina, mancano docenti: chiudono le specializzazioni in Puglia

Articolo successivo

Stroppa: "Un punto che muove la classifica. Nel primo tempo poco lucidi"