Home»Sport»Il Foggia suona la IX sinfonia: fuga per la B

Il Foggia suona la IX sinfonia: fuga per la B

Ennesima prova di forza del Foggia di Stroppa che espugna il Pinto con un perentorio 3-0 grazie alle reti di Mazzeo (doppietta) e Di Piazza

Ennesima prova di forza del Foggia di Stroppa che espugna il Pinto con un perentorio 3-0 grazie alle reti di Mazzeo (doppietta) e Di Piazza e centra la nona vittoria consecutiva (eguagliato il record del Foggia di Marino 2002/2003). E’ ormai fuga verso la Serie B. Stroppa era stato chiaro nella conferenza della vigilia, “A Caserta sarà decisiva”, aveva dichiarato il mister rossonero. Molto probabilmente, la vittoria di oggi è decisiva per la vittoria del campionato. Tra il Foggia e la serie cadetta ormai manca soltanto l’aritmetica. Basteranno sei punti nelle prossime quattro partite per ottenere la tanto agognata promozione.

Il Foggia si presenta al Pinto senza l’infortunato Agazzi. A centrocampo ecco il trio Agnelli-Deli-Vacca, con Gerbo in panchina nonostante le recenti ottime prestazioni. Ma cambiando gli addendi il risultato non cambia. Il Foggia infatti preme subito sfiorando la rete al 5′ con Di Piazza (tiro respinto dall’ex Ginestra) e al 7′ con un bel destro da fuori area di Deli. Tra il 10′ e il 12′ doppio brivido per Guarna sui colpi di testa di Coraro, poi gli uomini di Stroppa abbassano i ritmi della partita per arginare le sortite offensive dei falchetti. Al 44′ Coletti coglie il palo su calcio di punizione, poi quando il primo tempo sembra scivolare via sullo zero a zero arriva l’episodio che cambia la partita. Calcio di punizione di Chiricò e incornata vincente di Mazzeo che svetta più in alto di tutti realizzando la rete numero diciassette del suo strepitoso campionato. Casertana 0 Foggia 1 al termine dei primi quarantacinque minuti.

E’ come detto l’episodio che cambia la partita. Nella ripresa infatti i padroni di casa spariscono di scena, e il Foggia ne approfitta per chiudere la pratica dopo appena tre minuti. Il solito Mazzeo imbecca Di Piazza in area di rigore, l’attaccante rossonero supera Ginestra con caparbietà, vince un rimpallo e deposita in rete per il 2-0. Sulle ali dell’entusiasmo gli uomini di Stroppa sfiorano la terza rete con un altro siluro su calcio di punizione del solito Coletti che scheggia l’incrocio dei pali, sulla respinta Agnelli calcia a botta sicura ma trova l’ottima risposta di Ginestra. Sul susseguente corner ancora Coletti tenta la via della rete ma il suo tiro viene respinto a pochi centimetri dalla linea di porta. Ma è soltanto il preludio al terzo gol di un Foggia scatenato. 63′ , Deli vede scattare Chiricò e lo serve con il contagiri, l’esterno rossonero si fa ipnotizzare da Ginestra, irrompe Agnelli che evita il portiere e viene atterrato. E’ calcio di rigore. Mazzeo spiazza l’estremo difensore dei falchetti e mette la ciliegina sulla torta. La partita non ha più nulla da raccontare, se non l’ottima fase di amministrazione della gara del Foggia che anche sullo 0-3 non corre rischi, e il rientro in campo di Angelo (al posto di Chiricò).

Il Foggia vince 3-0 e resta a più sei sul Lecce (vittorioso nel derby contro il Taranto). Sabato prossimo primo match ball per la Serie B: allo Zaccheria arriva la Reggina. Il conto alla rovescia è già iniziato…

CASERTANA: Ginestra, Finizio, Giorno, Lorenzini, Magnino, De Marco, Corado, Ramos, D´Alterio, Carriero, Ciotola.
In panchina: Fontanelli, Simone, Diallo, Petricciuolo, Rainone, Colli, Taurino, Cisotti, Orlando.
All. Tedesco

FOGGIA: Guarna, Loiacono, Martinelli, Coletti, Rubin, Agnelli, Vacca, Deli, Chiricò, Mazzeo, Di Piazza.
In panchina: Sanchez, Angelo, Figliomeni, Sarno, Sainz-Maza, Empereur, Sicurella, Dinielli, Pompilio, Martino, Gerbo, Faber, Tucci.

Reti: Mazzeo 45′, Di Piazza 48′, Mazzeo 63′

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Maltrattamenti in famiglia: un arresto

Articolo successivo

Stroppa nella storia: eguagliato il record del Foggia di Marino