Home»Sport»Foggia-Matera 0-1. Rossoneri fuori dalla Coppa Italia.

Foggia-Matera 0-1. Rossoneri fuori dalla Coppa Italia.

Il Foggia saluta la Coppa Italia di Lega Pro perdendo 1-0 allo Zaccheria contro il Matera. Decisiva la rete di Carretta al 15'. Prestazione opaca dei rossoneri, apparsi spenti e senza motivazioni, e rimasti anche in dieci uomini dal 52' per l'espulsione di Agnelli per doppia ammonizione

Il Foggia saluta la Coppa Italia di Lega Pro perdendo 1-0 allo Zaccheria contro il Matera. Decisiva la rete di Carretta al 15′. Prestazione opaca dei rossoneri, apparsi spenti e senza motivazioni, e rimasti anche in dieci uomini dal 52′ per l’espulsione di Agnelli per doppia ammonizione. Gli uomini di Stroppa hanno pagato un primo tempo assolutamente insufficiente, condizionato anche dal calcio di rigore fallito da Letizia al 7′ che avrebbe potuto cambiare la storia della partita.

Ampio turnover operato da entrambi i tecnici. Alla fine la spunta Auteri, che continua ad essere una sorta di bestia nera per i colori rossoneri. Decisivi anche i due portieri. D’Egidio ipnotizza Letizia, Sanchez sbaglia un comodo disimpegno che permette a Carretta di realizzare la rete decisiva.

Nella ripresa, dopo l’espulsione di Agnelli, il Foggia sfodera in campo l’artiglieria pesante gettando nella mischia Sainz Maza, Angelo e Chiricò al posto di Sansone, Dinielli e Padovan, ma i cambi non sortiscono gli effetti sperati. Anzi sono gli ospiti a sfiorare il raddoppio con il palo di Casoli al 76′.

Ai quarti il Matera affronterà la vincente di Taranto-Messina.

 

Il tabellino:

FOGGIA: Sanchez, Agnelli, Loiacono, Quinto, Letizia, Martinelli, Sicurella, Dinielli (dal 70′ Angelo), Padovan (dal 60′ Maza), Riverola, Sansone (dal 54′ Chiricò)

MATERA: D´Egidio, Scogliamillo, De Rose, Piccinni, Louzada, Strambelli, Meola, Carretta(dall’85’ Dellino), Armellino, Casoli, Gigli

Espulsi: Agnelli 52′ per doppia ammonizione

Reti: Carretta 15′

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Bagni Vaccarella: quando a Foggia c’erano “lussuosi” bagni pubblici

Articolo successivo

L'associazione Donne in Rete presenta "Disamorex"

Nessun commento

Lascia un commento