Home»Sport»Il Foggia vola in finale! Lecce battuto 2-1 allo Zaccheria

Il Foggia vola in finale! Lecce battuto 2-1 allo Zaccheria

I rossoneri vincono anche il match di ritorno grazie alle reti di Riverola e Sarno, e approdano in finale.

Il Foggia supera per 2-1 il Lecce e vola in finale playoff dopo nove anni dall’ultima volta. In un Pino Zaccheria stracolmo, decidono le reti di Riverola (una prodezza quella dello spagnolo) e Sarno. Tra i rossoneri e la Serie B adesso manca soltanto l’ultimo ostacolo: il Pisa di Gattuso a cui nel pomeriggio era bastato lo 0-0 per eliminare il Pordenone.

La prima grande occasione della partita è di marca rossonera. Slalom speciale di Di Chiara che semina i difensori leccesi come birilli ma trova sulla sua strada un prodigioso Perrucchini che gli nega la gioia del gol. Cinque minuti dopo Sarno sfodera un mancino a giro dal vertice sinistro dell’area di rigore che termina di poco a lato. La risposta del Lecce tutta in una punizione di Moscardelli che non crea pericoli a Narciso. Al 33′ splendida trama di gioco del Foggia sull’asse Sarno-Iemmello-Agnelli, il capitano perde l’attimo sprecando una buona chances. Grande occasione per gli ospiti 34′, Doumbia riceve da Moscardelli ma sotto pressione non trova la giusta coordinazione e spedisce alto. Al 43′ Chiricò invoca il penalty ma è chiara la simulazione dell’esterno rossonero che nella circostanza viene anche ammonito.

Brivido per il Foggia ad inizio ripresa con Moscardelli che penetra in area ma si allunga troppo il pallone. Ma al 50′ ecco il gol del vantaggio, ed è una perla assoluta in salsa catalana ad opera di Marti Riverola. L’ex canterano del Barcellona replica la prodezza realizzata in campionato contro l’Akragas ma questa volta invece del fioretto usa la sciabola scaricando un destro imprendibile all’incrocio dei pali. Lo Zaccheria è una polveriera. La risposta del Lecce non si fa attendere, Narciso deve compiere una prodezza per opporsi al solito Moscardelli lanciato a rete. Ma nel migliore momento degli ospiti arriva il raddoppio. 64 Chiricò si incunea sulla sinistra, evita Lepore e serve Sarno dal lato opposto, il numero 10 rossonero di piattone batte Perrucchini da pochi passi facendo esplodere lo Zaccheria. Esultanza sfrenata di De Zerbi e momenti di tensione in panchina, ne fa le spese l’allenatore dei salentini Braglia che viene espulso. Al 73′ il Lecce accorcia le distanze: traversa di Doumbia e tap-in vincente di Caturano. Un minuto dopo esce uno stremato Chiricò per De Giosa. Il Foggia potrebbe chiudere la partita poco dopo con Iemmello, ma il bomber rossonero non è in serata di grazia e non sfrutta il millimetrico cross di un inesauribile Di Chiara. Lo stesso terzino lascia il posto ad Angelo, che rientra così in campo dopo l’infortunio proprio contro la sua ex squadra. Cinque minuti di recupero non bastano al Lecce per cercare quantomeno il pareggio, comunque inutile ai fini della qualificazione. In finale ci va il Foggia!

Tra una settimana finale di andata contro il Pisa di Gattuso, ultimo atto di una stagione infinita e ancora tutta da scrivere…

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Grande successo al campo da Baseball per Holi, il festival dei colori

Articolo successivo

Al Teatro Umberto Giordano Festa della Repubblica con il coro degli studenti