Home»Sport»De Vincenzo a Foggia Reporter: “Stupendo rivedere l’entusiasmo della città”

De Vincenzo a Foggia Reporter: “Stupendo rivedere l’entusiasmo della città”

Pasquale De Vincenzo, ex capitano del Foggia e compagno di squadra di Giovanni Stroppa ai tempi di Zeman, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Foggia Reporter

Pasquale De Vincenzo, ex capitano del Foggia e compagno di squadra di Giovanni Stroppa ai tempi di Zeman, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Foggia Reporter. Ecco le sue parole sulla promozione in Serie B dei rossoneri:

“E’ stato stupendo rivedere l’entusiasmo della città, cosa che in campo si trasforma in due uomini in più e lo ricordo bene , l’energia che si percepisce in campo è fantastica e ti aiuta molto come spesso ha sottolineato Giovanni Stroppa sin dall’inizio campionato ricordando anche lui la spinta che avevamo in quegli anni.

Super complimenti alla dirigenza e in particolare a Giovanni perché non era facile secondo me ,subentrare a De Zerbi che aveva fatto un buonissimo lavoro e migliorare il tutto , soprattutto nella serenità che i ragazzi hanno avuto nell’arco della stagione, componente a mio avviso indispensabile per raggiungere obbiettivi importanti. Ora con altrettanta serenità si dovrà affrontare la nuova categoria , l’esperienza di Di Bari , Colucci e Stroppa sono sicuro che sarà all’altezza della B. Un caldo abbraccio alla città.”

  

Pasquale De Vincenzo ha giocato quattro stagioni a Foggia dal 1992 al 1996, di cui tre in Serie A. Estate 1992. In città si respira aria di contestazione, dopo la cessione dei pezzi da novanta come Signori, Baiano e Shalimov protagonisti della storica annata 1991/92. Al loro posto, giovani di belle speranze e calciatori provenienti dalle serie minori. Tra questi, Pasquale De Vincenzo reduce da un campionato di Serie C con la Reggina. Ecco che si materializza il capolavoro del Foggia di Zeman-Casillo e Pavone, la stagione 1992/93. De Vincenzo ci mette poco ad entrare nel clima “Serie A”: tecnica squisita, intelligenza calcistica, passo elegante e mente fredda. Non conta la categoria quando si possiedono queste caratteristiche. Resta a Foggia anche in Serie B (1995/96), per un totale di 116 presenze, indossando anche la fascia da capitano e vestendo la maglia numero 10.

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Orsara, 21milioni per 100 opere: ecco il bilancio di mandato

Articolo successivo

Alle 17 allenamento a porte aperte allo Zaccheria

Nessun commento

Lascia un commento