Home»Sport»Brusca frenata, stop del Foggia a Taranto. 2-0 allo Iacovone

Brusca frenata, stop del Foggia a Taranto. 2-0 allo Iacovone

Inattesa ma meritata sconfitta del Foggia allo "Iacovone" nel derby contro il Taranto, che torna alla vittoria dopo oltre due mesi di astinenza. Una brutta battuta d'arresto che compromette il primato in classifica conquistato appena sei giorni fa

Inattesa ma meritata sconfitta del Foggia allo “Iacovone” nel derby contro il Taranto, che torna alla vittoria dopo oltre due mesi di astinenza. Una brutta battuta d’arresto che compromette il primato in classifica conquistato appena sei giorni fa. Termina due a zero in virtù delle reti di Magnaghi al 60′ e De Giorgi all’83’. Dagli altri campi, vittoria del Lecce contro il Siracusa con i giallorossi che dunque sorpassano i rossoneri in classifica (52 punti per i salentini, 50 per il Foggia), in attesa del Matera impegnato domani contro la Virtus Francavilla.

Formazioni ufficiali:

TARANTO: Maurantonio, De Giorgi, Pambianchi, Paolucci, Magnaghi, Altobello, Lo Sicco, Maiorano, Viola, Guadalupi, Magri.
in panchina: Pizzaleo, Potenza, Sampietro, Cobelli, De Salve, Russo, Benedetti, Pirrone, Emmausso, Di Nicola, Contini, Cecconello.
Allenatore: Salvatore Ciullo.

FOGGIA: Guarna, Loiacono, Coletti, Martinelli, Rubin, Agazzi, Vacca, Deli, Chiricò, Mazzeo, Sarno.
In panchina: Tucci, Figliomeni, Agnelli, Di Piazza, Sainz-Maza, Sicurella, Dinielli, Pompilio, Sanchez, Martino, Gerbo, Pertosa.
Allenatore: Giovanni Stroppa.

Primo tempo:

Avvio di gara su ritmi bassi, con un possesso palla sterile del Foggia che non riesce ad impensierire seriamente il portiere ionico Maurantonio. Rientra Sarno dopo l’infortunio, in campo a sorpresa anche Rubin che ha già recuperato dal problema muscolare patito in settimana. I padroni di casa, in crisi negativa da oltre due mesi, attendono nella propria metà campo. Al 42′ l’unica vera grande occasione della prima frazione: cross di Rubin dalla sinistra, Mazzeo anticipa i difensori rossoblù e spizza di testa per la deviazione vincente ma Maurantonio respinge, la palla arriva ad Agazzi che di prima intenzione da fuori area calcia al volo trovando ancora pronto Maurantonio che blocca.

Secondo tempo:

Il Foggia prova a cambiare marcia, Stroppa inserisce Gerbo per Rubin, con Loiacono che si sposta a sinistra. Iniziativa di Chiricò al 50′, il suo traversone insidioso è preda dei difensori tarantini. Al 51′ grandissima occasione per il Taranto, l’ex Viola prova a sfondare, dopo un rimpallo favorevole la sfera finisce sui piedi di Lo Sicco che si fa ipnotizzare da Guarna e spedisce a lato. Al 57′ Di Piazza rileva Chiricò, ma due minuti dopo i rossoneri vanno sotto: mischia in area rossonera risolta da Simone Magnaghi che batte Guarna con un destro chirurgico dall’interno dell’area di rigore. Si muove bene Sarno, ma non trova il guizzo vincente. Per lui, soltanto un paio di conclusioni bloccate da Maurantonio. All’83’ il raddoppio: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, De Giorgi è bravissimo a calciare spalle alla porta e a battere nuovamente un Guarna esente da colpe. Dentro anche Pompilio per l’assalto finale, che produce soltanto un destro di Di Piazza fuori.

Termina 2-0 per il Taranto. Il Foggia perde la testa della classifica.

 

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Furti e vandalismi in UniFg: la rabbia e la reazione di Area Nuova

Articolo successivo

La storia di Pasquale, il foggiano che ha rivoluzionato il mondo del Fantacalcio