Cultura e territorio

Santa Pelagia, l’Atlantide foggiana: la leggenda dell’antica città sommersa nel golfo di Manfredonia

Da sempre la leggenda di Atlantide, la mitica isola scomparsa nel nulla di cui ha parlato Platone, affascina tutti, curiosi e ricercatori. Non tutti sanno che anche in provincia di Foggia i racconti dei pescatori parlano di un’antica città sommersa chiamata Santa Pelagia, l’Atlantide foggiana.

Dolcemente e misteriosamente adagiata sul fondale del golfo di Manfredonia, tra Zapponeta e l’antica torre costiera Torre di Rivoli, vi sarebbe un’antica città sommersa la cui nascita risalirebbe al lontano IV secolo d.C

La leggenda sull’Atlantide della Daunia iniziò a diffondersi, infatti, proprio nel IV secolo d.C. alla morte di suor Pelagia, superiora del convento sipontino che indicò in sogno a Simplicio, settimo vescovo di Siponto, il posto esatto dove edificare una chiesa in riva al mare.

Intorno a questa chiesa sarebbero stati costruiti poi diversi edifici per i pellegrini. Nell’anno Mille, però, forse per via di un violento terremoto, l’antica cittadina sarebbe scomparsa.

Ad incrementare l’esistenza di questa cittadina vi sarebbero le storie e le leggende raccontate nel corso del tempo dai pescatori.

Negli anni ’60, infatti, erano assai diffuse le testimonanze dei pescatori garganici che sostenevano di scorgere, sui fondali del Golfo di Manfredonia, quando il mare era limpido, i resti dell’antica città, la punta di un campanile, i tetti delle vecchie case e le strade di Santa Pelagia.

Ma non solo. Ad accrescere la curiosità dei ricercatori stranieri sono stati i numerosi reperti ritrovati nelle reti dei pescatori, come monete, tegole e pezzi di basolato, tutte possibili tracce di una città sommersa.

Tuttavia le opinioni di studiosi e ricercatori circa l’effettiva esistenza di un’antica città sommerca nel Foggiano sono molto contrastanti tra loro, non tutti ritengono sufficienti queste testimonianze per investire importanti risorse in specifiche ricerche archeologiche subacquee nel golfo di Manfredonia.

A noi non resta che aggrapparci a queste leggende e fantasticare sull’esistenza di una città sommersa a pochi chilometri da noi, un’Atlantide sui fondali del nostro mare, una storia affascinante che non smetterà mai di incantare.

Fonte: repubblica.it – amaraterra.blogspot.com

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock