Home»Rubriche»Musicomio: “Ti scrivo” “Il giro del mondo”

Musicomio: “Ti scrivo” “Il giro del mondo”

Continua il nostro viaggio ideale tra le eccellenze “made in Foggia”. Oggi abbiamo scambiato quattro chiacchiere con i Musicomio, la band foggiana protagonista, anche, dell’ultima edizione di Emigratis, che attualmente sta spopolando sul web con due nuovi brani: “Ti Scrivo” e “Il giro del mondo”.

Ragazzi, raccontateci che esperienza è stata quella fatta con Pio e Amedeo a Emigratis. Quali emozioni avete provato?

L’esperienza con Pio e Amedeo è stata, e sarà, la più bella esperienza della nostra vita perché ci hanno fatto conoscere posti e personaggi che sognavamo nella vita. Siamo stati ad un passo dal Teatro Ariston di Sanremo e abbiamo cantato nel teatro più prestigioso di Odessa.

Tra i personaggi famosi che avete incontrato, chi vi ha colpito positivamente e perché?

Di personaggi famosi ne abbiamo conosciuti tantissimi e tutti hanno lasciato il proprio segno. Ma l’esperienza avuta con Bocelli è stata molto significativa. Sapere di essere cieco per una pallonata e aver rifiutato la pensione d’invalidità, prima che diventasse uno importante, ci ha segnato parecchio.

“Ti scrivo” e “Il giro del mondo” stanno letteralmente spopolando sul web. Come sono nati questi due brani?

“Il giro del mondo” nasce così per caso. Pio e Amedeo, cinque/sei giorni prima della messa in onda del programma, ci hanno chiesto una sigla di chiusura. Ci siamo catapultati ed è venuto fuori un grande prodotto, che sta funzionando. “Ti scrivo”, invece, nasce dal momento in cui loro (sempre i “produttori” Pio ed Amedeo -ndr) hanno chiesto di ascoltare i nostri brani, perché ne abbiamo tanti nel cassetto. Abbiamo optato, così, per “Ti scrivo” che, per noi, è un brano importante e di grande spessore. Ci auguriamo che possano spopolare sempre di più.

Progetti per il futuro… sognando Sanremo?

Sono tanti e speriamo di poterli realizzare al meglio. Ora siamo in uscita con questi due nuovi singoli. Tra qualche mese ne uscirà un altro e poi cureremo un album tutto nostro. Sanremo sarebbe un bell’obiettivo: è il palco più ambito dagli artisti italiani.

Chiudiamo con una domanda di rito: cosa rappresenta per voi Foggia?

Foggia? È la nostra casa, la nostra mamma, la nostra culla. È il posto dove ci rifugiamo per scrivere canzoni nuove e prodotti nuovi, rinchiusi nella nostra fattoria Komiofactory dove si mangia, si beve, si dorme e si lavora sempre. Foggia è sempre nel nostro cuore. È il posto dove viviamo e che amiamo. ️

 

Un grazie a tutti voi e uno particolare a loro, i nostri fratelli nonché produttori: Pio e Amedeo.

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Arriva a Foggia DIRITTINTOUR: per una città a misura di bambino

Articolo successivo

Mons. Pelvi: "Nessuno può raccogliere soldi per le processioni"