Attualità

Coronavirus, Lopalco: “La Puglia dovrà aumentare la capacità di fare tamponi”

Puglia – “La nostra capacità totale di laboratorio ad oggi non è stata saturata, quindi per il momento è sufficiente, ma non lo sarà più assolutamente a ottobre.

Da quel mese, infatti, inizieranno a circolare tutti i virus influenzali e gente con febbre e tosse che dovrà essere sottoposta a tampone ne avremo tantissima.

In quel momento la nostra capacità di fare i tamponi dovrà essere enormemente più alta”.

Queste le parole del professor Pierluigi Lopalco, epidemiologo dell’Università di Pisa e responsabile del coordinamento emergenze epidemiologiche della Regione Puglia, durante una diretta Facebook con il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini.

Al momento la capacità di fare tamponi in Puglia è di 2.500 al giorno. “Fino ad oggi la strategia della Puglia è stata quella di sottoporre a tamponi le persone con sintomi e, in caso positivi, a tutti i contatti, anche asintomatici. Ma adesso siamo una fase diversa”.

Ha dichiarato Lopalco dialogando con il sindaco di Lecce e ha aggiunto: “Ci stiamo preparando per la seconda fase nella quale avremo molti meno casi evidenti e dovremo cercare di scovare eventuali circolazioni sommerse del virus”.

In Puglia, inoltre, all’aumento della capacità di fare tamponi dovrà essere raddoppiato anche il numero dei contact tracer, i cosiddetti “detective anti Covid-19”.

“Il Governo – ha spiegato il professor Lopalco – ha detto che serve un cacciatore di virus ogni 10mila abitanti, in Puglia ne abbiamo la metà, quindi dobbiamo raddoppiare il numero dei tracciatori”.

Fonte: Ansa

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock