Home»Politica»Zapponeta, revocato l’incarico a Iacoviello: “Ora basta!”

Zapponeta, revocato l’incarico a Iacoviello: “Ora basta!”

Le condizioni per la revoca c’erano già da due settimane, scrivono le forze alla guida del Comune, tuttavia "il nostro fare responsabile ci ha portato ad agire in modo riflessivo e non d’istinto".

Revocato l’incarico assessorile al consigliere Francesco Iacoviello, l’Amministrazione Comunale di Zapponeta affida ad un comunicato stampa la sua dura presa di posizione.

“Tutto ha un limite! – si legge nel comunicato – Di angherie e offese ne abbiamo ricevute fin troppe. E credo che, in tutti questi giorni, sia chiaro anche chi le ha fatte e sta continuando a farle. Basta scorrere facebook, leggere le dichiarazioni sui giornali o guardare il video in streaming dell’ultimo consiglio comunale per capire chi è il mittente. Non è più ammissibile tutto questo! E’ chiaro che il percorso nella maggioranza del consigliere comunale Francesco Iacoviello è da ritenersi terminato. La normalità, la logica e la coerenza sarebbero dovute essere le dimissioni, ed invece no. Un atteggiamento del tutto incomprensibile e senza alcun fondamento. A questo devono essere aggiunte prima le offese nei confronti di un funzionario della Prefettura, poi i toni spregevoli nei confronti del direttore dell’ASL, poi ancora le dichiarazioni inadeguate nei confronti dell’amministrazione provinciale.”

“Siamo dispiaciuti di questo comportamento aggressivo e poco rispettoso nei nostri confronti – prosegue la nota, firmata dall’Amministrazione Comunale -. Se solo avesse frequentato di più il suo gruppo e meno qualche personaggio, in preda ancora alla rabbia per la sconfitta alle elezioni amministrative, si sarebbe potuto accorgere da sé di quanto impegno sta mettendo in campo la nostra Amministrazione per il bene della comunità.”

“D’altra parte – sottolineano dal Comune di Zapponeta -, è noto a tutti quanto il nostro comportamento sia stato rispettoso ed educato in ogni circostanza, nonostante di uscite fuorvianti, da parte del consigliere Iacoviello, ce ne siano state in abbondanza. Un atteggiamento maturo è quello che abbiamo dimostrato. Non c’è stato un solo atto proposto dal consigliere comunale Iacoviello che non sia stato accettato e puntualmente votato in giunta e in consiglio comunale. Peraltro, non abbiamo niente di cui rimproverarci.”

Le condizioni per la revoca c’erano già da due settimane, scrivono le forze alla guida del Comune, tuttavia “il nostro fare responsabile ci ha portato ad agire in modo riflessivo e non d’istinto. Ma abbiamo preso atto che anche questo tempo non è servito a nulla. Dunque, la decisione che oggi prendiamo è inevitabile.”

“E’ palese che la nostra Amministrazione è caratterizzata da una gestione più che responsabile. Abbiamo trascorso questi sei mesi senza sperperare neanche un euro di risorse pubbliche, attuando una politica di serio contenimento della spesa, a differenza di quanto avveniva in passato, dove i debiti e il consumo sconsiderato di denaro pubblico era all’ordine del giorno. La nostra Amministrazione – conclude la nota -, atti alla mano, affronta il suo operato con trasparenza, onestà e legalità, grazie al quale, a brevissimo, avremo già i primi risultati che cambieranno il volto al nostro paese.”

Iacoviello, dal canto suo, ha annunciato un pubblico comizio in domenica 11 dicembre alle ore 19 in piazza Aldo Moro, per rispondere alle accuse ricevute dall’amministrazione comunale. “Mi piacerebbe anche avere un dibattito con il sindaco e gli assessori – ha spiegato a Teleradioerre -. Non ho nulla da nascondere Replicherò punto per punto a tutte le bugie del sindaco e della giunta ombra. Quello che ho detto sono pronto a confermarlo ancora per altre mille volte”.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Referendum, Cusmai: “Salva la Costituzione che resta sempre attuale e amata”

Articolo successivo

Tesori del Gargano: ritrovata una rarissima Orchidea Fantasma