Home»Politica»Piano di riordino sanitario, Caroppo (FI): «Una corsa per mettere toppe»

Piano di riordino sanitario, Caroppo (FI): «Una corsa per mettere toppe»

«La Giunta regionale ormai si limita a ratificare le indicazioni del Governo nazionale, senza dare un contributo politico alla stesura del piano di riordino». Lo dichiara il presidente del Gruppo di Forza Italia, Andrea Caroppo.

«Se dal Ministero il primo cartellino giallo per la Puglia è stato esibito per i ritardi sulla riorganizzazione della rete delle emergenze-urgenze, la Regione avrebbe dovuto procedere innanzitutto da qui per poi passare alla ridefinizione della rete ospedaliera. Invece, è stato fatto l’esatto contrario e la Giunta regionale ormai si limita a ratificare le indicazioni del Governo nazionale, senza dare un contributo politico alla stesura del piano di riordino». Lo dichiara il presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Andrea Caroppo.

«Da due mesi – prosegue – riceviamo notizie sulla sorte del piano solo dalla stampa, perché l’assessore alla Salute e presidente della Giunta regionale non partecipa alle riunioni della Commissione consiliare competente. La percezione che abbiamo è che si agisca continuamente per mettere ‘toppe’: i sindacati protestano e allora si cede su qualcosa, il ministero striglia e la Regione fa i compiti a casa. E’ mancata – e si vede – una fase preparatoria aperta al confronto e alla partecipazione di sindacati, lavoratori e istituzioni. Si corre per correggere gli errori – conclude Caroppo – senza compiere un salto di qualità e senza proporre una nuova visione programmatica per migliorare l’assistenza e ridurre i tanti sprechi che continuano a fagocitare risorse pubbliche dei cittadini pugliesi».

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Stabilite date e orari ufficiali della finale Foggia-Pisa

Articolo successivo

Sanità, Peppino Longo: «Dubbi sul declassamento dell'ospedale di San Giovanni»