Home»Politica»Dal comune di Foggia arriva l’ordinanza anti botti

Dal comune di Foggia arriva l’ordinanza anti botti

Anche quest'anno scatta l'ordinanza anti botti varata dal Comune di Foggia. Il provvedimento prevede pesanti sanzioni amministrative per i trasgressori.

Anche quest’anno dal Comune di Foggia arriva l’ordinanza anti botti, per a salvaguardare i giochi pirotecnici legali e bandire invece bancarelle non autorizzate e fuochi d’artificio non a norma di legge. L’ordinanza sarà in vigore fino al 1° gennaio 2016 e prevede, nello specifico:

  • Il divieto di vendita, in forma ambulante, di ogni tipo di fuochi d’artificio ascrivibili alla categoria IV^ e V^, ivi compresi gli ex fuochi di libera vendita ora obbligatoriamente classificati in una delle suddette categorie. In particolare è vietata la vendita di quelli che abbiano effetto scoppiante, crepitante o fischiante, tipo rauto o petardo ed esclusi i prodotti del tipo fontane, bengala, bottigliette a strappo lancia coriandoli, fontane per torte, petardini da ballo, bacchette scintillanti e simili, trottole, girandole e pallone luminose.
  • Il divieto di utilizzo di ogni tipo di fuoco d’artificio, ivi compresi quelli appartenenti alla nuova categoria “V”. D ed E, in luogo pubblico e anche in luogo privato ove, in tale ultimo caso, possano verificarsi ricadute degli effetti pirotecnici su luoghi pubblici o su luoghi privati appartenenti a terzi non consenzienti, nonché di articoli pirotecnici teatrali e di altri articoli pirotecnici per scopi diversi da quelli cui gli articoli stessi sono espressamente destinati; (fanno eccezione gli spettacoli autorizzati dei professionisti di cui all’articolo 4 del Decreto Legislativo 4 aprile 2010, n. 58).
  • Il divieto di cedere a qualsiasi titolo, usare o portare con sé nei luoghi pubblici o aperti al pubblico materiale esplodente, di qualsiasi categoria ai minori di anni 18 e privi della carta d’identità in corso di validità.

Ai minori di anni 14 è inoltre vietato anche l’acquisto, la detenzione e l’utilizzo dei fuochi di artificio di cui alla Cat. V D/E ora nella categoria 1).

Le violazioni alle suddette prescrizioni, ove il fatto non costituisca reato, saranno punite ai sensi dell’art. 7 bis del D. Lgs. 267/2000 con una multa da 25 a 500 euro.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

L'annuncio di Landella: "Parco San Felice sarà di nuovo illuminato"

Articolo successivo

La Sagra della Pettola finisce tra furti e botte: 30mila euro di danni