Home»Politica»Mancato raddoppio della tratta ferroviaria Termoli-Lesina, una mozione di De Leonardis

Mancato raddoppio della tratta ferroviaria Termoli-Lesina, una mozione di De Leonardis

Il presidente del gruppo Alternativa Popolare, Giannicola De Leonardis, ha presentato questa mattina una mozione per sbloccare i lavori per il raddoppio della tratta ferroviaria Termoli-Lesina,

Il presidente del gruppo Alternativa Popolare, Giannicola De Leonardis, ha presentato questa mattina una mozione, da discutere in Consiglio regionale, con la richiesta di intervento diretto del Governo nazionale per superare l’ostruzionismo della Regione Molise e sbloccare finalmente i lavori per il raddoppio della tratta ferroviaria Termoli-Lesina, l’unica ancora a binario unico lungo la direttrice adriatica Bologna-Lecce. “Da anni sono allo studio ipotesi progettuali per raddoppiare il binario lungo la tratta interessata, puntualmente vanificate dall’atteggiamento ostruzionistico manifestato dalla Regione Molise” ricorda in premessa. ” Il Governo ha inserito tra gli interventi infrastrutturali da realizzare in via prioritaria, attraverso i Contratti Istituzionali di Sviluppo, un nuovo tracciato per il raddoppio della tratta in questione, con una parte in affiancamento (relativa alle tratte da Termoli a Campomarino e da Ripalta a Lesina) e una parte in variante (nella tratta da Campomarino a Ripalta, ove attualmente la ferrovia procede parallela alla costa). L’intervento così ipotizzato eliminerebbe finalmente l’ultima strettoia su tale percorso, di riconosciuta rilevanza strategica, sia per il trasporto viaggiatori che trasporto merci, e permetterebbe l’aumento della velocità massima – con relativa riduzione dei tempi di percorrenza – e della capacità della linea. Ancora, la prevista sopraelevazione della linea ferroviaria, in corrispondenza della piana alluvionale del Fortore, consentirebbe di garantire la sicurezza e regolarità dell’esercizio ferroviario anche in caso di esondazione del fiume (evento che negli ultimi anni si è ripetuto con allarmante ciclicità, determinando ogni volta gravi danni alle infrastrutture, compresa quella ferroviaria)” continua De Leonardis. “Il costo per il primo stralcio dell’intervento, inizialmente valutato in 106 milioni di euro, era interamente finanziato, così come era stato definito nei dettagli sia l’ente attuatore, Rete Ferroviaria Italiana, che il cronoprogramma: progettazione definitiva il 1 agosto 2015, progettazione esecutiva il 5 agosto 2018, esecuzione dei lavori dal 1 agosto 2019, collaudo il 6 giugno 2022, chiusura intervento entro il 3 dicembre 2022. Ma la Regione Molise, invece, ha espresso forti critiche anche a questo progetto e ha chiesto e ottenuto da RFI l’inserimento di una prescrizione nella delibera CIPE che lo approvava, ritenendo le opere previste ‘invasive e imponenti’ e atte a ‘deturpare in maniera sensibile un territorio a vocazione turistica’. Da qui l’esigenza di apportare una modifica che prevedesse all’altezza di Campomarino l’eliminazione del viadotto e il trasferimento dei binari dalla costa all’interno, utilizzando una galleria naturale di due chilometri circa e una artificiale di 900 metri” spiega ancora. “Rete Ferroviaria Italiana ha valutato e respinto questa ipotesi, perché comporrebbe un aumento dei costi di circa 150 milioni di euro rispetto al progetto iniziale, portando l’impegno finale a 700 milioni contro i 549 previsti;  e anche e soprattutto il riavvio ex-novo del complesso iter procedurale, con un ulteriore slittamento e prolungamento dei tempi di realizzazione di parecchi anni rispetto al cronoprogramma precedentemente e faticosamente indicato”.

“Il 2 aprile 2014 si era riunita presso la sede del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, per iniziativa dell’allora Ministro Maurizio Lupi, la task force approntata per monitorare gli interventi della linea Alta Capacità Bari-Napoli, e per definire ancora una volta i tempi per l’approvazione del progetto e la conseguente apertura del cantiere per il raddoppio della linea ferroviaria Termoli-Lesina” continua De Leonardis. “Per quando riguarda la dorsale adriatica, in quell’incontro – presente anche l’assessore alle Infrastrutture e Trasporti della Regione Puglia Giovanni Giannini -, preso atto del permanente dissenso della Regione Molise in merito al tracciato previsto dal progetto così come approvato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, si era deciso di porre un termine ultimativo alla Regione Molise (il successivo 22 aprile), e in caso di reiterato parere negativo, di procedere con la procedura prevista dall’art. 165 del Codice degli Appalti, che si conclude con l’emanazione del decreto di approvazione da parte del Presidente della Repubblica”. Tuttavia,  a distanza di altri tre anni, “permane uno stallo che non solo isola ed emargina le regioni meridionali rispetto al resto d’Italia, ma alimenta anche ulteriori pesanti incognite sulla sicurezza per i passeggeri (il primo maggio scorso proprio una rotaia rotta tra Campomarino e Chieuti ha mandato la circolazione ferroviaria in tilt per ore e ha rischiato di produrre una tragedia, in una regione già profondamente scossa e turbata dal terribile incidente ferroviario della scorsa estate)”.   Da qui la mozione, per impegnare il Presidente Michele Emiliano e la Giunta a sollecitare il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio e il Presidente del Consiglio dei Ministri Claudio Gentiloni “perché mettano in atto tutte le procedure previste dalle leggi e normative vigenti per superare l’ostruzione e il permanente veto della Regione Molise rispetto al progetto di raddoppio della tratta ferroviaria Termoli-Lesina, per garantire l’inizio dei lavori, non perdere i finanziamenti e permettere al Mezzogiorno d’Italia collegamenti all’altezza dei tempi e delle esigenze di milioni di passeggeri”.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Tra De Zerbi e il Las Palmas si inserisce il Sassuolo

Articolo successivo

Torremaggiore – Da domani al 2 giugno il corteo storico di Fiorentino e Federico II