Home»Politica»Gli sprechi di Piazzolla nell’ASL di Foggia: 95000 euro per un’infermiera. Le pesanti accuse di Di Fonso

Gli sprechi di Piazzolla nell’ASL di Foggia: 95000 euro per un’infermiera. Le pesanti accuse di Di Fonso

Le pesanti accuse del segretario confederale USSPI

Il Deus ex Machina della Asl Foggia con delibera n. 912 del 12/12/2015 di sua firma, ha provveduto al conferimento di incarico, alla infermiera De Gennaro della direzione dei servizi infermieristici territoriali, con iscrizione nel bilancio 2015 e futuri della nuova spesa relativa, per un importo annuo pari a circa € 95.000, esattamente ventimila euro in più dello stipendio del nuovo amministratore unico di Sanitàservice Russo, trattandosi di assunzione a tempo indeterminato. La consultazione della delibera richiamata racconta una parte delle vicende che hanno portato la privilegiata infermiera De Gennaro, che con non poca fantasia ed alchimie amministrative è riuscita ad occupare un posto di lavoro nella ASL di FG. Infatti da essere la terza classificata di una selezione presso la BAT, si ritrova ad essere assunta a tempo indeterminato presso la ASL di Foggia come D.S.I.T., mediante scorrimento di una graduatoria utilizzata solo per la prima classificata dei tre idonei, ed adoperandola per la sig.ra De Gennaro mediante un protocollo d’intesa sottoscritto in data 18 novembre 2015 tra i Direttori delle ASL di FG e BAT, senza alcun atto formale preliminare, nel quale protocollo si rileva che “la graduatoria è composta da n. 3 idonee.

Da tale graduatoria è stato assunto solo il vincitore, primo classificato”. Procedura discutibile in materia di assunzioni ed in vigenza di norme nazionali ( la legge finanziaria non permetteva lo scorrimento della graduatoria concorsuale decreto legge n. 101 del 31/08/2013), tutte disattese pur di portare a Foggia l’infermiera De Gennaro. Ma lo spreco ed il danno fatto da Piazzolla è legato alla procedura, che a parere di questa O.S. dovrebbe necessariamente essere chiarita, appare ancora più dannosa se si considera l’onere aggiuntivo di spesa che ha generato nel bilancio della ASL; infatti una vera e propria assunzione, con deroga o senza deroga e con una dotazione organica ancora indefinita, costituisce una nuova e piena spesa aggiuntiva se si considera che all’interno della stessa Azienda sono presenti ed operative professionalità di pari qualifica e capacità della sig. De Gennaro. Infatti il direttore-psicologo Piazzolla per portarsi a Foggia la De Gennaro ha dovuto defenestrare il Dai Giuseppe Chiodo che ricopriva precedentemente il posto che ora ha dovuto cedere alla De Gennaro, nonostante fosse vincitore di un avviso pubblico di Dirigente Sanitario, in possesso dei requisiti previsti per legge, e già dipendente della ASL Fg ?

Quindi a costo zero o quantomeno senza oneri finanziari aggiuntivi, come sarebbe stato per tanti altri infermieri della ASL Fg in possesso dello stesso titolo, ai quali poteva essere data la possibilità, attraverso una pubblica selezione per conseguire detto incarico, senza appesantire così il bilancio di un ulteriore costo annuo e seguenti pari a circa € 95.000, preferendo l’assegnazione, per chiamata diretta pur in presenza di macchinosa procedura, alla sig. De Gennaro per chi sa quale motivo.

Ci si chiede, ancora, perché il Direttore Generale abbia firmato la delibera alla sig.ra De Gennaro ad un costo così esorbitante di circa € 95.000 annui (tre volte il costo di un infermiere di ruolo e per giunta figura già in dotazione alla Asl Fg , e solo di qualche migliaio di euro inferiore alla indennità annua prevista per il Direttore Generale dell’Azienda), e quali sono i motivi che hanno indotto a tale decisione, creando un serio ed inspiegabile danno economico alla situazione finanziaria della ASL Fg? Sono inquietanti interrogativi che adombrano la giusta ed oculata amministrazione che dovrebbe invece osservare e praticare sempre un Amministratore di un Ente: Pertanto chiediamo a Piazzolla di fare chiarezza, su quanto denunciato dalla scrivente, per la tutela dei lavoratori dipendenti e delle loro giuste aspettative, per il ripristino della regolarità delle procedure e per non creare danno alla collettività.

FIRMATO
Massimiliano Di Fonso
Segretario Confederale Usppi

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Pista ciclabile o parcheggio per furbetti?

Articolo successivo

Pio & Amedeo da record: quasi 7 milioni di visualizzazione per il videoclip "Senza pagare"