Home»Politica»Foggia, ecco il progetto del Monumento ai Caduti di bombardamenti del ’43

Foggia, ecco il progetto del Monumento ai Caduti di bombardamenti del ’43

Presentato, nella Pinacoteca “il 9cento,” il progetto del Monumento ai Caduti di bombardamenti del ’43 su Foggia. L’opera si intitolerà “Pietas” ed è stata ideata dallo scultore Cristian Biasci docente dell’Accademia di Belle Arti di Foggia. Il monumento presenta numerosi richiami simbolici alle tragiche conseguenze che la guerra ebbe su Foggia che culminano con un prato verde sulla parte superiore che simboleggia l’intervento “pacificatore” della Natura che, alla fine, prende il sopravvento su ogni opera dell’uomo.

«E’ stato bello ascoltare il commento artistico sul monumento da parte del prof. Alberto Dambruoso, anche lui docente all’Accademia – racconta il sindaco di Foggia, Franco Landella -. Ho voluto, soprattutto, ringraziare il Presidente Alberto Mangano, e tutti i componenti del Comitato per un monumento a ricordo delle vittime del ’43 a Foggia” per aver sostenuto con tanto impegno e per tanti anni la realizzazione di un’opera celebrativa di tale importanza».

Il progetto
Il progetto

«L’Amministrazione – prosegue il sindaco – ha tratto spunto dalle loro sollecitazioni per farsi tramite con l’Accademia di Belle Arti di Foggia che, in questa occasione come in altre, ha avuto modo di mettere in luce il grande valore del suo corpo docenti, oltre che degli studenti. Per questo ho ringraziato anche il Direttore e il Presidente dell’Accademia, il prof. Pietro Di Terlizzi e l’avv. Francesco Andretta, che con la loro disponibilità hanno contribuito a conseguire l’importante risultato. Ho solo pregato di portare a termine la realizzazione in tempi brevi – conclude il sindaco -, per consegnare al più presto ai Foggiani questa bella opera che sarà collocata all’ingresso Centro Intermodale del Piazzale della stazione di Foggia.»

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

"Spiagge e Fondali Puliti", torna l'appuntamento di Legambiente

Articolo successivo

Ataf, sciopero selvaggio. Landella e Ferrentino: «Colpire gli utenti è da vigliacchi»