Home»News Foggia Calcio»Cittadella e Foggia si accontentano. 1-1 al Tombolato. Panico risponde a Chiaretti

Cittadella e Foggia si accontentano. 1-1 al Tombolato. Panico risponde a Chiaretti

Per il Foggia un punto che muove la classifica. Chiaretti illude prima del pareggio di Panico.

Termina 1-1 al “Tombolato” nel turno infrasettimanale valido per la decima giornata di campionato tra Cittadella e Foggia.

Rossoneri in vantaggio con Chiaretti al 20′ e raggiunti da Panico al 28′.

Un punto che muove la classifica ma che non soddisfa appieno entrambe le formazioni.

Buon primo tempo per gli uomini di Grassadonia, in vantaggio con il gol dell’ex di Chiaretti e autori di 30′ molto positivi. Nella ripresa, si abbassano i ritmi del match con il Foggia che non riesce ad ottenere i tre punti nonostante gli ingressi in campo di Galano e Iemmello e gli ultimi minuti giocati in superiorità numerica.

FORMAZIONI

Grassadonia opera un ampio turnover. Sorprese soprattutto nel reparto avanzato, dove Chiaretti e Gori rimpiazzano Mazzeo e Galano. Iemmello parte dalla panchina. Venturato cambia 6/11 rispetto alla squadra che ha battuto il Pescara.

CITTADELLA: Paleari, Cancellotti, Camigliano, Frare, Rizzo, Settembrini, Iori, Siega, Schenetti, Strizzolo, Panico.
In panchina: Maniero, Benedetti, Malcore, Drudi, Scappini, Proia, Branca, Ghiringhelli, Maniero, Bussaglia, Finotto.
Allenatore: Roberto Venturato.

FOGGIA: Bizzarri, Tonucci, Martinelli, Ranieri, Cicerelli, Busellato, Rizzo, Agnelli, Kragl, Chiaretti, Gori.
In panchina: Noppert, Loiacono, Carraro, Iemmello, Deli, Zambelli, Galano, Mazzeo, Gerbo, Boldor, Ramè, Camporese.
Allenatore: Gianluca Grassadonia.

PRIMO TEMPO

Buon avvio del Foggia al Tombolato. Dopo otto minuti Kragl su punizione pennella per la testa di Gori che non inquadra la porta.

Al 20′ rossoneri in vantaggio con il gol dell’ex. Chiaretti riceve da Kragl, e dal limite dell’area lascia partire un sinistro delizioso imprendibile per Paleari.

Passano otto minuti e il Cittadella perviene al pareggio. Bizzarri deve compiere gli straordinari sul colpo di testa di Panico, ma non può nulla sulla respinta concretizzata da Iori che di ginocchio a porta sguarnita realizza la rete dell’1-1 rendendo vano il tentativo disperato di Kragl sulla linea di porta.

Predono coraggio i padroni di casa, al 31′ colpo di testa a lato di Strizzolo. Un minuto più tardi ottimo intervento difensivo di Martinelli su Iori pronto a battere a rete.

Al 43′ Gori calcia altissimo dai venticinque metri su assist di Chiaretti. Si va al riposo sul punteggio di 1-1.

SECONDO TEMPO

Al 51′ calcio di punizione di Kragl dai venti metri, Paleari si oppone. Cinque minuti dopo ancora Kragl imbecca Gori che impensierisce seriamente Paleari con un destro insidioso.

Il Foggia prova a fare la partita e a tenere in mano il pallino del gioco, anche se Paleari non deve correre particolari pericoli. Ancor più inoperoso è Bizzarri, in versione spettatore non pagante. Venturato corre ai ripari e al 62′ inserisce Branca per Schenetti. Grassadonia risponde inserendo Deli per Rizzo.

Al 77′ Bizzarri si distende e blocca il sinistro rasoterra di Branca.

Scocca l’ora di Cristian Galano, che entra in campo al 79′ al posto dell’autore del gol Chiaretti, che esce tra gli applausi dei suoi ex tifosi. Doppio cambio nel Cittadella: in campo Finotto e Scappini per Strizzolo e Panico. Il Foggia abbassa il baricentro, mentre i padroni di casa provano a spingere anche se i ritmi sono bassi con le due squadre che sembrano accontentarsi del pareggio.

All’85’ Grassadonia concede minuti a Iemmello, in campo al posto di Gori. “Re” Pietro per poco non realizza la rete del 2-1 con un colpo di testa bloccato da Paleari sugli sviluppi di un calcio di punizione di Kragl. Punizione scaturita da un fallo di Rizzo su Busellato con conseguente doppia ammonizione ed espulsione del difensore veneto.

Termina 1-1 al Tombolato.

 

 

 

 

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Scoppia incendio nell'Ex Pista di Borgo Mezzanone: susseguirsi di esplosioni

Articolo successivo

Grassadonia: "Avremmo meritato qualcosa in più. Dobbiamo migliorare"

Nessun commento

Lascia un commento