Mancini: “Entusiasta di essere qui. Voglio aiutare il Foggia a raggiungere traguardi importanti”

Le prime parole da allenatore del Foggia di Amantino Mancini

Foggia Reporter

Conferenza stampa di presentazione per il nuovo allenatore del Foggia calcio, Amantino Mancini. Ecco le sue dichiarazioni:

“Il primo approccio con il Foggia l’ho avuto a Londra, in un ristorante di un foggiano. Mi scuso per il ritardo, ma stamattina sono tornato dal Brasile dopo dodici ore di volo, poi ho fatto tre ore e mezzo di macchina per arrivare qui. Ringrazio il presidente e il direttore per questa opportunità, sono molto entusiasta di arrivare in questa grande piazza e voglio aiutare il Foggia a raggiungere traguardi importanti. Questa è una piazza dove si vive il calcio 24 ore su 24.

A quale allenatore mi ispiro? Ho avuto la fortuna da calciatore di lavorare con tanti grandi allenatori, da Capello a Mourinho. Capello è stato il mio primo allenatore italiano, per quanto riguarda il gioco mi sono trovato meglio con Spalletti. Mourinho è un campione , sono stato fortunato nella mia carriera: cercherò di prendere un po’ da tutti, ho avuto una grande fortuna.

Qui sono passati allenatori importanti con Zeman e De Zerbi. Con il 3-5-2 ho giocato gli ultimi anni da calciatore, ho fatto anche il capocannoniere da terzino. Con questo modulo si può giocare tranquillamente. Confermo che il 3-5-2 sarà il modulo di partenza. Adesso dobbiamo solo lavorare, vorrei fare da allenatore quello che ho fatto da calciatore.

Conosco poco il campionato di Serie D, ho visto qualche partita. Un 65% deve essere guerra, vai a giocare in campi non belli, con atmosfera pesante. La parte tecnico-tattica ovviamente deve avere un minimo di organizzazione, altrimenti è difficile vincere.

Volevo concludere per tutti i tifosi del Foggia: “Za’ Fo“.