Cultura e territorio

Basilica dell’Incoronata: lavori in corso per il nuovo Sagrato

Nuovo sagrato in arrivo per il Santuario dedicato alla madonna nera di Borgo Incoronata, situato nel Tavoliere delle Puglie a breve distanza da Foggia.

Sono iniziati i lavori di riqualificazione per l’adeguamento del sagrato ed, in particolare, delle rampe disabili, a causa della cospicua pericolosità risultante ormai da tempo dei gradoni in marmo, dovuta alla loro elevata scivolosità, dopo anni di attesa e lamentele soprattutto da parte della popolazione anziana.

Al momento i tecnici stanno lavorando al Progetto di ristrutturazione del piazzale antistante alla Basilica del Santuario Parrocchia “Madre di Dio Incoronata” per via dei pericolosi avvallamenti creatisi nel corso del tempo e dovuti al progressivo degrado dell’attuale pavimentazione.

Cantiere.

A seguito dei lavori di scavo in corso d’opera del piazzale, si passerà al rifacimento dei gradini che portano dal sagrato verso la piazza.

Purtroppo, i materiali utilizzati per il sagrato, scelti a cavallo tra gli anni ’54 e il ’65, periodo in cui è avvenuta la costruzione dell’intero complesso del Santuario, hanno retto per molti anni tuttavia sono risultati inadatti a sopportare nuovi cambiamenti di temperature fra estate e inverno e le gelate dei mesi freddi, per poi andare incontro infatti a progressivo deterioramento fino ai giorni nostri.

Segnaletica e recinzioni temporanee per lavori in corso nel cantiere, conformi alle vigenti normative sulla sicurezza, con ingresso laterale per i pedoni.

Da tempo i cittadini e i fedeli tutti, infatti, invocavano un intervento nella piazza per sostituire i lastroni di marmo lucido con altro materiale non scivoloso.

Grazie all’intervento di Don Ugo Rega e del sostegno e delle donazioni dei fedeli della Parrocchia il vecchio materiale deteriorato sarà presto sostituito da uno più resistente, questa volta in pietra lavica assorbente, con una riqualificazione dell’intero vecchio sagrato.

Noemi Di Leva

Leggi tutti gli articoli realizzati per noi da Noemi Di Leva
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock